Festa Marina Lunga, prof. Subba: bancarelle al megaparcheggio

L’ex vicesindaco suggerisce di delegare il Comando Vigili per l’assegnazione del suolo pubblico ” e non comuni cittadini, privi di competenza e del rispetto dei diritti altrui”.

Lipari- Lettera del prof. Peppuccio Subba al Sindaco di Lipari e per conoscenza ai comandanti del Circomare Lipari, dei Vigili Urbani e dei Carabinieri

Oggetto: festa della Madonna di Porto Salvo. Osservazioni e suggerimenti.

Peppuccio Subba
Peppuccio Subba

Il 20 luglio scorso si è conclusa la “sagra della confusione” che, da qualche decennio, si svolge a Marina Lunga di Lipari. Quest’anno la curva dei disagi si è impennata in quanto la “festa” è durata 4 invece di 3 giorni. L’unico evento apprezzabile ed esaltante coincide con la suggestiva Processione a mare della statua della Madonna.

I 4 giorni di “festa” hanno imposto un grande sacrificio alla collettività, che vive e opera nella Via Francesco Crispi. Per consentire agli oltre 100 ambulanti di collocare le loro bancarelle (alcune di dimensioni mastodontiche), è stato necessario chiudere al traffico veicolare la Via Francesco Crispi. Tale situazione crea difficoltà alla circolazione stradale, ai residenti, ai diportisti e, a buona parte, degli operatori economici.

Non capisco chi e con quale criterio ha deciso di assegnare gli spazi, per l’occupazione di suolo pubblico, di fronte ai prospetti dei fabbricati. Il metodo adottato, come ha avuto modo di constatare personalmente, è stato irrazionale e discriminante in quanto quasi tutti i marciapiedi antistanti le abitazioni sono stati lasciati liberi mentre un’ingombrante fila di bancarelle di vestiario e biancheria è stata posizionata proprio davanti ad un grande fabbricato (di interesse storico) in cui risiedono cinque nuclei familiari e sono ubicate due attività ricettivo – turistiche.

Per l’entrata e l’uscita delle persone, sono stati lasciati degli esigui varchi, in corrispondenza dei cancelli e dei portoni.

Ma in alcuni momenti (e precisamente a notte inoltrata e al mattino presto), questi transiti venivano impediti perché occupati da improvvisati giacigli, su cui riposavano gli ambulanti, o da scatoloni e altro materiale di scarto.

Pongo una legittima domanda: “visto che le bancarelle, di anno in anno aumentano in modo esponenziale, perché non si collocano nel megaparcheggio (dotato di maggiori spazi, servizi igienici ecc), come avviene per la festa di San Bartolomeo?”

Con l’occasione mi permetto di dare dei suggerimenti per il futuro:

1. Limitare la festa a soli 2 giorni, coincidenti con il sabato e la domenica, così i disagi, la confusione e gli inconvenienti igienico – sanitari si dimezzano;

2. Collocare le bancarelle nel megaparcheggio, tranne alcune che pongono in vendita prodotti alimentari e giocattoli;

3. Delegare il Comando Vigili per l’assegnazione del suolo pubblico e non comuni cittadini, privi di competenza e del rispetto dei diritti altrui.

In attesa di conoscere il Suo avviso, ringrazio e porgo distinti saluti.

Lipari, 06/08/2014.