Viva San Bartolomeo, la “poesia” di Marco Miuccio

san bartolo 1

Lipari in festa per il Santo Patrono

di Marco Miuccio

“W San Bartolo”
 
‘Ntò un paìsi abbannunàto
Da cu n’avi avìri cura
Ci sta un iòrnu stabilìtu
Dove passa ogni paura
 
Certo facile non è
Chìstu iòcu “Amministrare”
Sempre critiche aùnni è gghiè
Ti devi sacrificare
 
Perchè che sia cruda o cotta
Non importa se fai bene
Nonostante qualche botta
Ci son sempre delle iene
 
Sempre pronte a criticare
Pìcchi ìddi su cchiù bravi
Poi se dèvon lavorare
Sì dimostran degli Ignàvi
 
Ma tra tutti i festeggiati
U “Sammàttulu” d’agosto
È di certo tra i più amati
Mette lui un pò “tutto a posto”
 
Quindi tutti in processione
Affollando vichi e strade
C’è chi porta il gonfalone
Quasi fossero contrade
 
C’è sia fede che colore
Confraternite e turisti
Qui non è solo folklore
Ma divèntan giorni tristi
 
Se invece di godere
Dell’impegno di chi sbatte
Sì pensa a polemizzare
Se son scarpe oppur ciabatte
 
Su chi suona nel concerto
Che si fa a Marina Corta
Il motivo ormai è certo
Niente morsi alla torta
 
Immancabili i commenti
Sullo spreco del denaro
Per i “fuochi” son contenti
“Ma stu Sìnnucu che avaro”
 
I mittìssi un quàrtu d’ùra
A fari lu mè travàgghiu
Scappirìunu d’a paura
Sti gran tèstazzi di bbrìgghiu
 
Tutta una contraddizione
Ma qui é tutto sempre uguale
Forse nostra vocazione
“Pìsciar fuori dal rinàle”
 
Con un po di nostalgia
Guarderò ciò da lontano
Pregherò che questo sìa
Un S.Bartolo “Ambrosiano”
 
Dove come Milanesi
Pensiàm più al fatturato
Non a rendere palesi
I difetti e il disastrato
 
Che questo non giova a niente
Non è gran pubblicità
Far sapere alla gente
Tutto quello che non và
 
Orsù buon Santo Patrono
Mi dovrete perdonare
Per quest’anno non ci sono
Ho qualcos’altro da fare
 
Ma voi tutti festeggiate
Certo fino a tarda notte
Balli, càlia e zuccaràte
Ma non fate dopo a botte
 
Per la rabbia del successo
Di chi si è speso nel tempo
Ne raccoglie i frutti adesso
E chi ròsica al contempo
 
Per la pioggia e per il vento
Non è certo una disgrazia
Vedrai che sarai contento
Ed u Santu farà “a grazia”
 
Perché tutto sia aggiustato
Non certo solo in un giorno
Ma sarà “Sacramentato”
In attesa del ritorno
 
Del buon senso e del piacere
Di curare questa terra
Ma per senso del dovere
Non per fare qualche guerra!
 
Ora tutti soddisfatti
Di questa organizzazione
Non pugnètte bensì fatti
Grida forte lo strillone
 
Poi il venticinque ti svegli
Ed esclami “dove sono”
I problemi restan quelli
E non si cerca perdono
 
Che sia al Santo oppure al Fante
Non si pensa più a far festa
Le magagne sono tante
Ed i debiti a chi resta
 
In questo infinito gioco
Tra lassismo e rimpiattino
Guardo esploder qualche fuoco
Scelgo di restar bambino
 
Per mezz’ora non ci penso
Guardo i botti a naso in sù
A rifletter non ha senso
Di speranza non ne ho più
 
Quindi Buon Sammattulùzzu
E lasciate ogni speranza
Che sìa a Curta oppure o Pùzzu
Arrinchìtibbi la panza!!!
 
(Original by Marco Miuccio)