Sicilia, iter più snello per i trasferimenti ai comuni

(ANSA) – PALERMO, 8 MAG – Con le nuove regole di ripartizione delle somme del Fondo delle Autonomie locali, introdotte dalla Legge di stabilità regionale, la Sicilia dimezza i tempi e snellisce l’iter per trasferire le risorse ai 390 comuni dell’isola. Da quest’anno le somme destinate agli enti locali sono calcolate applicando un’aliquota di compartecipazione al gettito dell’Irpef, riscossa in Sicilia nell’anno d’imposta precedente.

La finanziaria 2014, poi, istituisce il Fondo perequativo comunale, che prende il posto del Fondo di parte corrente delle Autonomie locali, che consente di destinare una quota aggiuntiva ai comuni per compensare eventuali squilibri che sarebbero potuti derivare dalla destinazione delle somme ancorate solo al gettito delle imposte sui redditi delle persone fisiche. “I sindaci lamentano la mancanza di risorse adeguate da parte della Regione ai comuni – dice l’assessore regionale alla Funzione pubblica e autonomie locali, Patrizia Valenti – In risposta a queste esigenze il governo regionale ha già attivato le procedure per coprire 100 milioni di investimenti con un mutuo da attivare presso la Cassa depositi e prestiti; le procedure sono in corso”.

“Il nuovo meccanismo – aggiunge – previsto nella finanziaria 2014 si basa su alcuni principi più favorevoli sul piano della semplificazione amministrativa perché con questo sistema per ogni trimestre le somme destinate a ciascun comune saranno devolute automaticamente; il procedimento utilizzato finora prevedeva una serie di step: la pubblicazione di avvisi pubblici, di un’istruttoria che spesso sfociavano in contenziosi. Adesso ciascuna amministrazione saprà con chiarezza quante somme saranno destinate al comune”. “Aver ancorato la ripartizione delle risorse al gettito Irpef riscossa nell’anno precedente – prosegue Valenti – contribuisce a responsabilizzare i sindaci nella lotta all’evasione fiscale e può incidere sullo sviluppo delle attività produttive nei territori”.

Il fondo di perequazione consente ai sindaci di utilizzare parte del gettito Irpef destinato ai comuni per specifici obiettivi e scopi di solidarietà intercomunale.

“Con l’istituzione del fondo di perequazione – conclude – la Regione ha dimostrato che non intende lasciare soli i piccoli comuni. E’ stato pensato per eliminare squilibri evidenti che sarebbero potuti sorgere da un’ applicazione troppo rigida del federalismo fiscale ancorandola solo al gettito Irpef”. L’aliquota di contribuzione al neonato fondo di perequazione viene indicata ogni anno con decreto dell’assessore regionale alle Autonomie locali insieme all’assessore all’Economia su parere della Conferenza Regione Autonomie Locali. A definirla sarà il tavolo tecnico che si riunirà domani a Palermo con i rappresentanti del governo regionale e delle associazioni dei comuni. (ANSA).