Mobili online, anche l’arredamento si adegua alla rete

Una necessità cui è dovuto sottostare anche il settore dell’arredamento; uno dei comparti per definizione maggiormente ‘fisici’, nel senso che è difficile immaginare ad una dematerializzazione di questo settore. Eppure si sta sperimentando un nuovo approccio anche per quello che riguarda l’arredo ed a metterci lo zampino è sempre la rete.


Anche i mobili vengono visionati, scelti ed acquistati tramite la rete: si parla sempre più di mobili online, un moderno modo di avvicinarsi al settore partendo da quanto imposto dalla normativa attuale. Un approccio omnicomprensivo, che riguarda quindi la scelta iniziale navigando in rete e vagliano le tante proposte; la valutazione, che parte da una analisi approfondita del mobile in questione; ed, infine, anche l’acquisto diretto che può avvenire in alcuni casi direttamente online.
Quali sono i vantaggi e le criticità di questo approccio indiretto? Molteplici in entrambi i casi. Come elencato sul sito di Arienti Arreda, mobilificio su misura, all’interno di questo articolo sui mobili online, rivolgersi al web vuol dire facilitare l’iter, poter scegliere con maggiore comodità. Si possono sfogliare cataloghi ed elenchi di mobili per tutti gli ambienti, sia interni che esterni, direttamente online.

Distanze abbattute e niente assembramenti

Venendo meno la distanza è possibile poi richiedere consulenza a qualsiasi mobilificio, non necessariamente soltanto quello vicino casa ma anche uno che si trovi in un’altra regione. Ecco allora che il cliente può valutare tra tante proposte e scegliere soltanto in base ai propri gusti, senza pensare se il venditore sia troppo lontano.
Ovviamente il tutto avviene all’interno di un mondo dematerializzato, quindi non è possibile toccare con mano il prodotto ma ci si deve limitare e vederne foto, immagini e caratteristiche in rete, nella cornice di un sito internet. Pro e contro al contempo, ma d’altra parte non si può avere tutto.
Il fatto è che se fino a qualche mese fa si trattava di una scelta libera, da prendere dopo aver soppesato vantaggi e criticità, oggi il tutto diventa una necessità, visti i fatti legati alla pandemia e la necessità di sottostare alle misure prese per arginarla. Il contatto sociale deve essere ridotto al minimo, cosa che in un mobilificio risulta complessa: optare per i mobili online vuol dire evitare assembramenti e code.
Il che viene incontro ai precetti attuali e, perché no, limita anche la fonte di stress derivante dalle lunghe attese in fila che si registrano, quasi sempre, nelle note catene di mobili low cost più in voga da qualche anno a questa parte. ( Pubbliredazionale)