Merlino, porto Sottomonastero: ecco come sarà

Le foto dei progetti ex stazione Esso, Mercato del Mare, copertura pontile aliscafi e  banchina a giorno

Lipari- L’ing. Gaetano Merlino presenta , attraverso il Giornale di Lipari, i progetti di riqualificazione dell’area portuale di Sottomonastero. Dai primi step ( nuova stazione marittima, riconversione stazione Esso, Mercato del mare) che vedranno la luce entro il prossimo anno alla copertura del pontile degli aliscafi, della banchina a giorno e di un’area d’attesa di fronte alle navi. Nel video i rendering progettuali delle opere che saranno eseguite.

” L’intervento progettuale- scrive l’ing. Gaetano Merlino- mira a razionalizzare i servizi e la gestione dell’area di Sottomonastero quale contesto portuale, anche in ragione delle necessità di ottimizzazione dei servizi di accoglienza e biglietteria, imbarco e sbarco mezzi e passeggeri definendo quindi il sistema TERMINAL PORTUALE SOTTOMONASTERO, delle esigenze della marineria, dei servizi a traffico passeggeri privati, e della sicurezza interna della infrastruttura portuale stessa.

Nelle linee generali il progetto prevede :

1. la razionalizzazione delle strutture prefabbricate quale sala di attesa e biglietteria, mediate lo spostamento della stessa sala di attesa, affiancandola alla biglietteria e creando quindi un corpo servizi accoglienza e biglietteria con servizi igienici per i fruitori

( opere realizzate con intervento primo stralcio concluso ).

Le nuove esigenze dell’amministrazione hanno determinato la scelta progettuale di variante che ha definito la realizzazione di un padiglione polifunzionale definito MERCATO DEL MARE con struttura prefabbricata amovibile, che possa ospitare, con periodi e tipologie definite e regolamentate, sessioni di vendita del pescato fresco, prodotti ortofrutticoli, prodotti tipici o venti di carattere promozionale, enogastronomico e culturale, sempre in ambito di incrementare in servizi offerti dalla infrastruttura portuale Architettonicamente l’opera, realizzata in acciaio e vetro con copertura leggera, richiamerà la copertura del pontile aliscafi, già approvata nel progetto originale.

L’area eterna di pertinenza prevede anche la organizzazione di un parcheggio da utilizzare per i transfer degli Hotel negli orari di imbarco e sbarco passeggeri.

2. La copertura del pontile in metallo a giorno, destinato all’ormeggio degli aliscafi, con struttura in acciaio dal semplice disegno architettonico, che richiama il verso di due onde marine che lo attraversano, e conseguente ottimizzazione degli impianti elettrico, illuminazione , audio diffusione e telecontrollo.

3.a Opere proposte in variante

Le nuove esigenze dell’amministrazione hanno determinato la scelta progettuale di variante che ha definito la realizzazione di un padiglione polifunzionale con struttura prefabbrica ta amovibile, che possa ospitare, con periodi e tipologie definite e regolamentate, sessioni di vendita del pescato fresco, prodotti ortofrutticoli, prodotti tipici o venti di carattere promozionale, enogastronomico e culturale, sempre in ambito di incrementare in servizi offerti dalla infrastruttura portuale

Architettonicamente l’opera, realizzata in acciaio e vetro con copertura leggera, richiamerà la copertura del pontile aliscafi, già approvata nel progetto originale.

Lo sbarco e l’imbarco sarà regolato con tornelli adeguati al flusso ed alla tipologia di traffico passeggeri, ottimizzando anche l’area di sosta sul molo , ampliando la zona di attesa “Tipica” con l’ampliamento della copertura a pulera tale da garantire una maggiore area ombrata ed un ed una più ampia percezione dell’area di attesa.

3. Definizione del sistema di imbarco Navi con razionalizzazione e controllo delle corsie dedicate di imbarco , delle aree di sosta per i mezzi di servizio e transfer Hotel, riordino degli elementi prefabbricati destinati a biglietteria, servizio ormeggio e portuale, e pilota. Si prevede inoltre, la realizzazione di zone d’ombra per l’attesa degli imbarchi, sia nei pressi delle corsie di attesa per le vetture che fonti stante il punto di stazione Nave per i passeggeri. Si definisce inoltre un punto attracco per in natanti a noleggio con conducente in corrispondenza del punto di allocazione dei casottini prefabbricati dei promoter turistici.

4.a Opere proposte in variante

Le nuove esigenze dell’amministrazione hanno determinato la scelta progettuale di variante che ha definito una diversa razionalizzazione dello sfruttamento del piazzale portuale rispetto a quanto previsto nel progetto originale. Tale è la nuova disposizione che sulla corsia lato mare dove erano previsti i parcheggi per i transfer degli hotel, saranno posizionati 8 stalli TAXI fruibili in maniera ottimale dall’area di sbarco stante anche la copertura prevista del passaggio pedonale verso l’imbarco navi. Inoltre si razionalizzerà la sosta dei pullman periodici per transfer crociere e i mezzi di sevizio portuale. L’area di attesa fronte sbarco navi rimane invariata.

4. Definizione del nodo stradale tra la Via Vittorio Emanuele, la via Francesco Crispi e la via Cappuccini. Tale definizione rendeva necessario lo spostamento dell’attuale distributore di carburante, la bonifica del sistema di cisterne e il ripristino del manto stradale, con attuazione di un sistema a rotonda per il deflusso continuo del traffico veicolare proveniente dalle vie principali, soprattutto nei moneti di afflusso maggiore all’are portuale durante le fasi di imbarco e sbarco.

5.a Opere proposte in variante

La disposizione amministrativa ha richiesto in variante di poter riutilizzare la volumetria dell’immobile esistente, prevedendone la demolizione e ricostruzione, nei limiti di volumetria esistente, creando un immobile tipologicamente similare con funzione polivalente sia per servizi comunali, informazioni, deposito bagagli e servizi igienici pubblici. La nuova conformazione prevede un doppio volume con passaggio interno a galleria, utile per il transito pedonale e l’attesa, anche in funzione della fronti stante fermata della navetta di servizio pubblico”.