Filicudi, guerra al pontile galleggiante nella baia del porto

Filicudi- Giornata di passione nell’isola per la ribellione degli abitanti alla collocazione del pontile galleggiante della ditta Crisafulli di Milazzo nella baia del porto ( nella foto lo sbarco dei corpi morti in cemento). A tal proposito riceviamo da Patrizia Italiano del comitato spontaneo contro il pontile nella baia del porto a Filicudi e pubblichiamo:

cassoni pontileLa cecità della Regione Siciliana e della pubblica amministrazione rischia di mettere in pericolo una delle più belle spiaggie delle Eolie e il suo ecosistema. L’isola di Filicudi è un luogo incontaminato e ricco di risorse naturali e culturali;

Il mare con i suggestivi fondali ricoperti da praterie di Posidonia (specie protetta), i percorsi archeologici, gli straordinari aspetti della flora e della fauna rendono tale isola un patrimonio ambientale ancora intatto nel quale si è sviluppato un turismo rispettoso e responsabile, attratto dalla bellezza e dalla tranquillità dei luoghi.

cassoni filicudiSi tratta di un patrimonio che rischia di disperdersi a causa della prossima realizzazione di un pontile galleggiante con una decina di grandi corpi morti in cemento, per consentire la messa in posa di cinque grandi pontili in legno per circa 50 imbarcazioni nella Baia del Porto di Filicudi.

I pilastri in cemento danneggerebbero i fondali sommersi con la distruzione del poseidoneto con conseguenze incalcolabili, basti pensare che la perdita di un solo metro lineare di prateria può portare alla scomparsa di diversi metri della spiaggia antistante, a causa dei fenomeni erosivi; la regressione delle praterie comporta, inoltre, una perdità di biodiversità e un deterioramento della qualità delle acque.

La presenza del pontile farebbe aumentare il numero e le dimensioni delle barche attraccate, con la conseguenza di alterare irreversibilmente il modello di turismo che sino ad ora ha garantito il mantenimento delle bellezze dell’isola.

Il continuo movimento delle imbarcazioni metterebbe a rischio gli importantissimi reperti archeologici di Capo Graziano (in parte sommersi).

cassoni pontile 1Per la sua ubicazione, il pontile impedirebbe la libera fruizione della spiaggia del Porto, l’unica baia dell’isola agevolmente fruibile per i turisti, le famiglie isolane e i bambini.

Essendo collocato in prossimità dello scalo d’alaggio, il pontile intralcerebbe il varo e l’approdo delle imbarcazioni tradizionali e dei piccoli pescatori. Se poi dovese verificarsi l’esigenza di una evacuazione immediata dell’isola, il pontile costituirebbe un grave ostacolo alle operazioni, con conseguenze facilmente intuibili.

Tutto ciò significherebbe piegare l’ecosistema, la bellezza naturale di un luogo, la sua fruizione da parte del pubblico di bagnanti e lavoratori del mare, la sicurezza stessa dell’isola, a interessi di stampo meramente economico; di un’economia che però tornerebbe a vantaggio non certo della comunità filicudara, ma solo di un ristretto gruppo di persone.

Di fatto questa concessione dovrebbe essere bloccata con una ordinanza eccezionale del Presidente della Regione Siciliana o del Sindaco di Lipari, al fine di tutelarne l’ecosistema ambientale e la spiaggia utilizzata dagli abitanti e dai turisti.