Continua la scoperta delle proprie isole per i “delfini guardiani” delle Eolie

Gli alunni a Panarea
Gli alunni a Panarea

29 aprile 2016 – Ritrovano una rarissima conchiglia a Vulcano, recuperano da polverosi archivi un film muto degli anni ’50 su Alicudi, intanto esplorano cave e spiagge e fanno lezione su come ridurre i rifiuti. Sono i “delfini guardiani” delle Isole Eolie, ovvero 370 giovanissimi studenti degli istituti comprensivi Lipari 1 e Lipari 2 che, da ottobre, stanno seguendo l’omonimo percorso di educazione ambientale di Marevivo e MSC Crociere e che, proprio in questi giorni, sono impegnati su tutto il territorio eoliano in azioni il cui filo conduttore è la scoperta e la conoscenza più profonda delle proprie isole.

A Lipari l’escursione alla cava di Caolino è stata piena di notizie per i bambini delle classi elementari dell’isola: il naturalista Pietro Lo Cascio ha raccontato della formazione geologica dell’isola, dei vulcani ormai spenti, del grande lago naturale che si trovava in cima all’Isola di Lipari.

Ad Alicudi, gli studenti di Alicudi e Filicudi, il cui legame di amicizia si sta rafforzando gemellaggio dopo gemellaggio, sono andati in visita al Castello, per poi spostarsi a scuola dove hanno partecipato alla proiezione di un film sull’isola del 1959, recentemente restaurato e tratto da una storia vera. Abbracci e saluti al porticciolo, dove il pescatore arcudaro Silvio Taranto ha raccontato la storia della piccola pesca di Alicudi.

Sulla spiaggia di Rinella a Salina, gli alunni di Santa Marina, Malfa e Leni si sono scatenati in una caccia al tesoro marino: i reperti ritrovati sono stati al centro della discussione del seminario sulla biologia e diversità marina.

A Vulcano, sulla spiaggia di ponente, dopo la raccolta dei rifiuti, consegnati poi all’autorità competente, è avvenuta l’eccezionale scoperta: uno degli aspiranti “delfini guardiani” ha trovato perfettamente integra una conchiglia di Argonauta argo, una cosa molto rara sulle nostre spiagge. Oggi gli studenti di Vulcano affrontano il “problema rifiuti” all’interno della scuola con docenti, operatori Marevivo, l’assessora Fabiola Centurrino e il direttore dell’azienda locale dei rifiuti.

A Panarea, invece, gli studenti di Panarea e Stromboli, impegnati nel quarto gemellaggio, hanno allestito, alla caletta dei Zimmari, un laboratorio ambulante marino per il gioco “componi con la pomice” e realizzato persino un vulcano, davvero fumante, in spiaggia.

Il progetto di Marevivo e MSC Crociere è realizzato anche grazie al sostegno della Fondazione AIPF “Aeolian Islands Preservation Fund”, di Mari del Sud Resort & Village di Vulcano, della Fondazione Barbaro, di Federalberghi Isole Eolie, di Ustica Lines e di Siremar. L’iniziativa, che coinvolge circa 450 studenti degli arcipelaghi delle Eolie e delle Egadi, gode del patrocinio del Ministero dell’Ambiente, della Federparchi, dei Comuni di Lipari, Leni, Malfa, Santa Marina Salina, Favignana e dell’Area Marina Protetta Isole Egadi.

Ufficio stampa Marevivo

063202949 – 3381090669