” ‘atti e surci “

di Antonino Fontana per l’interpretazione di Giovanni Giardina

I surci cu li ‘atti ‘un sunnu amici,

‘un’hannu mai putùtu stari ‘npaci,

un surci parla e a lu ‘attu dici:

firucia di ti nun’’haiu e mi rispiàci.

 

Pi curpa di tò matri chi ti fici,

hai l’ugna longhi comu li rapàci,

e cu la tò putenti calamita,

n’acchiappi, manci e nni levi a vita.