Ospedale : ” ora confronto serio sui contenuti”

(Comunicato) La protesta promossa dai parenti e dagli amici più cari di Lorenza, come abbiamo potuto notare, ha coinvolto l’intera comunità Eoliana. Tutti i cittadini, ne hanno preso parte, sono intervenuti indistintamente, in maniera individuale o in forma di aggregazione, hanno partecipato in maniera attiva, accanto alle quattro amministrazioni dei comuni Eoliani.

Protesta che ha anche avuto un importante momento di confronto tra la comunità Eoliana (anche attraverso i suoi rappresentanti) e le istituzioni sanitarie regionali, anche in presenza del direttore dell’Asp 5 dott. Paglia. Da questo confronto, è emersa un’apertura senza precedenti da parte delle istituzioni regionali, attraverso il concreto impegno assunto dall’assessore Razza e la successiva presenza della VI Commissione dell’ARS presso il nostro ospedale.

Tra ieri e oggi, sono stati divulgati su tutti gli organi di stampa locale, i primi atti emessi dall’Asp 5 su disposizione dell’Assessorato regionale. Possiamo considerare questi atti dei segnali positivi che danno ancora più forza e coraggio nel prosieguo del lavoro sin qui svolto. Questo ha come unico obiettivo la tutela del nostro diritto alla salute e la difesa del nostro ospedale ovvero della sanità pubblica, ci preoccupano pertanto le dichiarazioni dell’ Assessore riguardanti l’intenzione di avviare sperimentazioni con privati accreditati all’interno del nostro ospedale.

Ci sono dei dubbi importanti da chiarire, anche in merito alla presenza dell’elicottero h24, e alla richiesta di deroga del punto nascita. Deve iniziare dunque, adesso, una seconda fase di lavoro, ancora più importante, di dialogo e di confronto sui provvedimenti presi e, soprattutto, su quelli da prendere. Sulle ricadute che questi avranno in termini pratici sui servizi prestati all’interno del nostro nosocomio.

La nostra comunità ha bisogno di essere rassicurata attraverso la concreta attuazione di questi provvedimenti e deve poter iniziare a verificare i primi risultati concreti. Il Comitato “l’Ospedale di Lipari non si tocca” mette a disposizione del gruppo che si sta formando, il proprio supporto in termini di competenze, e anche attraverso il lavoro di ricognizione, monitoraggio e verifica sin qui svolto, nella convinzione che adesso sia necessario avviare un confronto serio e attento sui contenuti.

La portavoce del comitato Anna Spinella