Ospedale : comitato chiede potenziamento servizi

Nota del comitato ” L’Ospedale di Lipari non si tocca ” al direttore generale dell’Asp 5 Messina Paolo La Paglia e a tutti consiglieri comunali affinchè inoltrino le stesse richieste :

Purtroppo la pandemia del covid 19, oltre a causare decine di migliaia di morti nel mondo, porta con sé gravissimi strascichi sul piano economico. Oggi più che mai non ci si può permettere di far fronte a determinate visite specialistiche private o a viaggi della speranza per effettuare le stesse.

Oggi che queste potrebbero tranquillamente essere effettuate a Lipari, presso l’Ospedale. Oggi più che mai, non si può rischiare di non fare fondamentali controlli per la propria salute, perché non si ha la possibilità economica di farli, o per paura di poter contrarre questo virus al di fuori del proprio territorio.

Oggi più che mai diventa di vitale importanza per gli Eoliani poter effettuare importanti analisi ed esami presso il proprio Ospedale. Chiediamo pertanto alla Signoria Vostra di dotare al più presto l’ospedale di Lipari delle seguenti apparecchiature, proprio nella logica, ormai inderogabile, di un graduale potenziamento dei servizi erogabili direttamente sul territorio Eoliano:

– 1 apparecchiatura per effettuare l’esame dell’ Holter pressorio

– 1 apparecchiatura per effettuare l’esame dell’Holter cardiaco

– 1 cyclette per effettuare prove da sforzo

– 1 tapis roulant per effettuare prove da sforzo

Al fine di poter garantire servizi efficienti presso l’ospedale, ci preme far ancora presente la carenza di organico del personale sanitario, non solo di medici, ma anche di infermieri e ausiliari. Una situazione grave, che non permette lo svolgimento di dignitosi e sicuri ritmi lavorativi.

Con la presente, desideriamo inoltre chiederLe la modifica della convenzione con l’ospedale Papardo per l’invio dei cardiologi presso il nostro Ospedale, affinché possa finalmente essere garantita la loro presenza presso il nostro ospedale per 50 ore settimanali in modo da poter coprire l’intera settimana, domenica compresa, e ovviamente anche garantire la reperibilità notturna degli stessi.

Questo sempre nelle more che vengano nominati i 2 cardiologi, ancora mancanti, presso la sede dell’ospedale di Lipari. Non possiamo far ricorso sempre in emergenza all’elicottero o alle terapie intensive, prevenzione e diagnosi precoci oggi sono fondamentali.

Desideriamo ricordare che la sanità è un diritto di tutti, anche di noi Eoliani.

Certi di un Suo cortese riscontro Porgiamo distinti saluti Il Comitato

“L’ Ospedale di Lipari non si tocca“