” L’Orologgiu da Citati ! “

di Giovanni Giardina

L’orologio posto nella torre del campanile della Cattedrale di S. Bartolomeo ( ancora oggi considerata torre civica ) fu installato in seguito al 1922, anno in cui avvenne il trasferimento del Municipio, fino a quella data situato in via Garibaldi ( ex Pretura ). Dopo l’inaugurazione del nuovo Municipio in villa Mazzini, fu recuperato l’orologio dal vecchio edificio e fatto installare alla torre del campanile della Cattedrale. Non sono in possesso di documentazione per confermare l’esatta data in cui avvenne, ma pare ci sia testimonianza che ai lavori di rimozione e nuova ubicazione, abbia partecipato l’ancora giovanissimo Cristoforo Moneta,  da anni scomparso.

L’orologio fu mantenuto in vita per diversi anni dal sig. Pasqualino Pastore ( custode della Cattedrale ) e dopo la sua scomparsa, l’orologio fu costretto ad un lungo riposo, finchè durante il periodo di sindacatura di Michele Giacomantonio , intorno al 1996, fu dato incarico a dei tecnici per ridargli vita. Fu così che il vecchio orologio abbandonò la ormai vetusta meccanica per essere trasformato ed alimentato dalla corrente elettrica.

L’Orologgiu da Citàti ( di Giovanni Giardina)

Ma chi fasci dd’orologgiu da Citàti ?

O simu tutti surdi , o è sfasciatu !

Prima si sintìa sonàri notti e juornu

e ora ‘un sona cchiù mancu a menzjuornu!

 

Mittùtu p’abbelliri u monumentu,

sacrificatu a stari all’acqua e o vientu

mai un lamentu e sempri cu primùra

battivi u tiempu ogni quartu d’ura.

 

E chi diri di ddu poviru Pasturi ?

Ca ti curava miegghiu d’un dutturi,

ti dava a corda e ti fascìa curaggiu,

c’un pocu d’ogghiu e rassu all’ingranaggiu.

 

Si cacchi vota ‘un ti sintìa sonàri

scappàva i cursa prontu p’aggiustàri,

sapìa ca eri ranni e avìa rispettu,

i tia canuscìa ormai ogni difettu !

 

Cu tuttu ca eri viecchiu e arrugginutu,

o juornu nun sgarràvi d’un minutu.

I quannu Pasturi, ti vinni a mancàri

truvàsti a scusa pi t’arripusàri .

 

Un juornu cunfurtatu dalla scienza ,

u Sinnacu fu spintu da cuscenza,

ti fici aggiustàri e trasformàri a luci

e ‘nto Paisi si sintù a to vuci.

 

Ora ‘un ti sientu cchiù, chi ssi malàtu?

O forsi si trascuratu e abbannunàtu ?

 

Si poi si stancu e ti vo ripusàri,

‘un fari cumu a mmi, ‘un’u sbagghiari,

pirchì tu vuogghiu diri in cunfidenza:

C’a corpu mi fermaiu e sei e menza !

 

Lipari – 06-10-2012-