Le trasformazioni della città murata negli ultimi due secoli : al museo conferenza con universitari da Monaco

Interessante conferenza informativa nella giornata odierna presso la sala convegno del Museo Archeologico Eoliano Luigi Bernabò Brea. Nell’ambito di un più ampio progetto che vede insieme la struttura culturale eoliana e l’Università Tecnica di Monaco di Baviera (TUM) il Dott. Giuseppe La Greca, unitamente al neo architetto Matteo Nicchia, hanno illustrato agli studenti giunti da Monaco, guidati dalla Professoressa Roberta Fonti (docente eoliana alla TUM), le trasformazioni subite dalla città Murata negli ultimi due secoli.

Dopo una breve presentazione da parte del Direttore Arch. Rosario Vilardo, il Dott. La Greca, utilizzando circa 150 slide, ha illustrato le numerose trasformazioni dall’ultimo assedio con bombardamento della città (giugno 1719) sino alla chiusura del Centro di raccolta profughi (1950), documentando le varie fasi dal confino coatto, agli antifascisti, dagli Ustaschia ai Campi di Concentramento nel corso della II Guerra Mondiale.

L’architetto Nicchia ha illustrato un suo importante lavoro di ricostruzione in 3D dell’interno della città Murata, soprattutto dopo l’abbattimento delle abitazioni operato nel corso del 1926.

Il lavoro illustrato dal giovane laureato eoliano ha riscosso molto interesse nei coetanei che frequentano l’ateneo di Monaco di Baviera.