Fermo Ustica Lines: interrogazione parlamentare

INTERROGAZIONE

GIBIINO, COMPAGNONE, SCAVONE, SCILIPOTI, GIOVANNI MAURO, D’ALI’, ALICATA – Al Ministro delle infrastrutture e dei trasporti e al Ministro del lavoro e delle politiche sociali.

Premesso che:

i collegamenti tra la Sicilia e le isole minori come le Egadi e le Eolie rappresentano un nodo fondamentale per l’economia del territorio siciliano tanto per la vocazione turistica quanto per lo svolgimento di servizi essenziali;

la società Ustica Lines copre i collegamenti con le Isole Egadi, Eolie e Pelagie e Reggio Calabria dalla Sicilia;

a causa di un contenzioso con la Regione Siciliana, dovuto al mancato pagamento delle somme che le spettano per i servizi resi nell’ultimo anno, la medesima società minaccia, dal prossimo 7 maggio, di interrompere il collegamento con le isole Egadi ed Eolie, con conseguente licenziamento degli oltre 400 dipendenti;

secondo il sindacato Federmar, la procedura di licenziamento è già stata avviata;

tale situazione, oltre a rappresentare un grave allarme sociale a causa dei numerosi licenziamenti, rappresenta un danno economico, in quanto il mancato collegamento con le predette isole a ridosso della stagione estiva, creerebbe un crollo delle presenze turistiche. I collegamenti marittimi sono vitali, indispensabili e indifferibili per chi vive sulle isole non solo dal punto di vista turistico/imprenditoriale ma anche per la qualità di vita degli abitanti;

si chiede di sapere:

quali iniziative, ciascuno per le proprie competenze, ritengano di assumere affinché, per i motivi esposti in premessa, non si verifichi l’interruzione del servizio di collegamento marittimo tra la Sicilia e le isole Egadi e le isole Eolie.