Codacons contro realizzazione appartamenti a Canneto

” Pericolo per il boschetto di Lecci centenari a Culia ” . Diffidato il Comune di Lipari dal rilascio della concessione edilizia

complesso edilizioComunicato stampa

Il CODACONS, a seguito di segnalazione da parte di alcuni cittadini eoliani, ha avuto conoscenza che è stata richiesta al Comune di Lipari la concessione edilizia per la realizzazione di 33 appartamenti a Canneto località Culia.

L’enorme complesso edilizio che, ove realizzato, avrà un impatto non indifferente sul paesaggio di Canneto comporterà l’abbattimento del’ultimo boschetto di Lecci presenti a Canneto, lo sbancamento di un’antica colata pomicifera di Forgia Vecchia e la realizzazione di un muro di contenimento lungo circa 200 metri visibile già dalla stessa spiaggia.

Si tratta – spiega l’avv. Antonio Cardile (Presidente provinciale del CODACONS) – di un’area che, sulla base dei confini naturali essendo sopraelevata rispetto all’abitato di Canneto, dovrebbe rientrare in zona protetta.

L’abbattimento dell’ultimo boschetto di Lecci presente a Canneto con piante centenarie alte circa 10/15 metri, ove nidificano centinaia di uccelli che allietano con il loro canto i turisti e residenti di Canneto, inoltre costituirebbe un gravissimo vulnus al paesaggio ed all’ambiente atteso che al boschetto verrebbe sostituita un lunghissimo muro e sopra di esso una fila di case a tre piani nonché una strada con enormi muri di sostegno.

Abbiamo quindi ritenuto doveroso, conclude l’avv. Cardile, dopo aver contattato anche altre associazioni ambientaliste che hanno già manifestato la loro contrarietà ad una siffatta opera, di diffidare immediatamente il Comune di Lipari dal rilascio della concessione edilizia atteso il grave danno ambientale e il pesante impatto che la realizzazione di questo complesso edilizio arrecherebbero al paesaggio della Baia di Canneto.