Aumento Imu, il Sindaco : solo per un anno e non al massimo ma necessario

L’Amministrazione blocca le spese di dicembre, compresi gli stipendi della giunta 

Lipari- Il passaggio all’Amam dell’utenza idrica dal primo gennaio 2020 ( e non dallo scorso novembre) e quindi, anche la predisposizione per il 2019 del fondo per i crediti di dubbia esigibilità oltre ai debiti fuori bilancio, che si trascinano dal passato, non consentono di chiudere il previsionale. Tenuto conto che le entrate della tassa di sbarco sono vincolate per legge ecco, quindi, che l’Amministrazione si trova costretta  a tagliare le spese di dicembre, compresi gli stipendi della stessa giunta, trasferendo il pagamento di 600 mila euro di debiti fuori bilancio al 2020.

Somma che, però, mancherà ugualmente, il prossimo anno quando però quel fondo dovrà essere previsto da Amam .

Il Sindaco, per arrivare alla chiusura del bilancio 2019, dichiara : “avevamo due possibilità, taglio dei servizi sociali ( e non se parla) o aumento dell’Imu solo per un anno, solo di un punto, e non al massimo. Questo consentirà di attivare tutte le opere pubbliche che dovranno essere avviate, una trentina di concorsi ed eviterà l’arrivo di un Commissario che eleverebbe al massimo l’Imu (non per un anno come abbiamo previsto) ma per cinque anni”.

Domani, sull’aumento Imu, la decisione del Consiglio comunale.

Share