Art. 1 critica il Sindaco anche sui trasporti marittimi

Art.1 Autonomia e libertà- Associazione politica e culturale

Nel leggere certi ringraziamenti, uniti alla rinnovata stima del Sindaco verso l’Assessore Starvaggi, ci sembra più l’annuncio di un matrimonio pronto per essere consumato in barba alle più elementari regole della politica.

Noi riteniamo che il Sindaco abbia politicamente una grande responsabilità nella vicenda perché non ha mai inteso convocare un tavolo tecnico, coinvolgendo gli altri sindaci dell’arcipelago, per definire una linea comune che tuteli gli interessi di tutti e che metta le isole nelle condizioni di non soffrire più il problema dei trasporti.

Una amministrazione vincente non può vivere sempre nelle emergenze e se le emergenze diventano la quotidianità, con tutto l’impegno che rivendicano, il problema è di natura diversa.

Alla luce delle recenti problematiche emerse, noi siamo convinti che si debba proporre la predisposizione di più bandi, possibilmente non annuali, per i collegamenti tra le isole e per le isole coinvolgendo più armatori al fine di rendere il servizio più efficiente, avere la copertura delle tratte senza la sovrapposizione di orari, avere una sana competitività che potrebbe portare a vedere mezzi meno obsoleti e prezzi più abbordabili.

Se in tutto questo si ragionasse seriamente sulle aree marine protette, chissà che si possa comunicare a vedere anche qualche mezzo ibrido.

Il tutto a difesa e tutela dell’ambiente e di un’area definita,ancora solo sulla carta,patrimonio dell’UNESCO.

 

Il Segretario Cittadino

Alessandra Falanga

Il Presidente

Alessandro La Cava