Depuratore di Lipari: Gli alti costi di gestione sulle spalle dei cittadini ? Le impressioni dopo la Commissione

il rendering progettuale del Depuratore
il rendering progettuale del Depuratore

Lipari – Si è svolta la riunione delle commissioni consiliari urbanistica, idrica e fognaria in sessione congiunta per l’analisi del progetto esecutivo del Depuratore. Hanno partecipato il sindaco Marco Giorgianni, i progettisti dell’impianto e i consiglieri Sabatini, Carnevale, Lo Cascio, Orifici, Biviano, Profilio, Russo, Fonti, D’Alia, Casilli, Gugliotta e Bertè. Alla fine dell’incontro abbiamo raccolto alcune impressioni.

Adolfo Sabatini
Adolfo Sabatini

Per il presidente del consiglio Adolfo Sabatini “la riunione è andata benissimo e dal punto di vista tecnico è stata soddisfacente. Abbiamo rilevato-ha continuato- che le criticità sollevate sono state accolte. Posso quindi annunciare che non vi sarà alcun pericolo per le nostre spiagge; non sono state previste le vasche a Canneto e Marina lunga. Vanno piuttosto affrontati- ha concluso Sabatini- i problemi del costo di gestione dell’impianto e dell’utilizzo del materiale di scavo”.

Pietro Lo Cascio
Pietro Lo Cascio

Pietro Lo Cascio, consigliere de La Sinistra, si è dichiarato ” perplesso nonostante le spiegazioni fornite. Non è chiaro dove scaricherà la fogna di Canneto nel momento in cui sarannoeseguiti i lavori per l’adeguamento. E’ emerso- aggiunge- un quadro estremamente preoccupante per i costi di gestione che rischiano di ripercuotersi sulla bollettazione e quindi sui cittadini. E’ stato poi previsto tranquillamente di conferire il materiale in esubero alla discarica di Malopasso a Lami come se questo rientrasse nelle competenze del Commissario. Si tratta do 16 mila mc di terra a copertura di una depressione esistente e per un parziale intervento di bonifica. Ma il Comune non ha già fatto predisporre un suo progeto di bonifica ?”. Per Lo Cascio sono inoltre contestabili le modalità di convocazione della commissione congiunta. ” E’ vero- ha sostenuto- che i presidenti hanno la facoltà di prevedere l’intervento dei tecnici ma anche il consigliere può portare dei tecnici di fiducia per esprimere delle valutazioni. Questa commissione , comunque- ha concluso il consigliere de La Sinistra- è senza senso. Il progetto è ormai esecutivo. Mi chiedo: Non era meglio un incontro pubblico ? “

Antonio Casilli
Antonio Casilli

Infine per l’indipendente Antonio Casilli si tratta di “un progetto bellissimo, solo che non si capisce chi dovrà farsi carico dei costi di gestione; i fanghi prodotti dove saranno smaltiti e chi pagherà questo servizio ?”