Stromboli, il quadro donato alla chiesa fu davvero regalato a Bertolaso ?

Lo Stromboli in eruzione nella tela della pittrice Caterina Gorgone donata alla chiesa di Stromboli

L’avv. Nino Chiovari marito della pittrice Caterina Gorgone, frattanto defunta, chiede che venga rispettata la volontà della moglie: ” l’opera torni agli isolani”

Vorrei solamente sapere dal dott. Guido Bertolaso se il quadro che – si sostiene nell’isola – gli sia stato regalato in segno di riconoscenza dal parroco dell’epoca ce l’ha davvero lui o meno. Solo questo. Mia moglie, l’autrice, è scomparsa di recente e vorrei che venisse rispettata la sua volontà riportando quella bellissima opera nella chiesa di San Vincenzo“. Chi parla è l’avv. Nino Chiovari marito della pittrice Caterina Gorgone, scomparsa di recente. Da tredici anni , da quando la stessa autrice inviò una raccomandata all’ex capo della Protezione civile ( alla sua attenzione presso la sede romana del Dipartimento) si attende una risposta che non è mai arrivata. Bertolaso allora dirigeva la Protezione civile ed alle Eolie aveva gestito con successo l’emergenza Stromboli post – maremoto del 30 dicembre 2002.

Ora, ci riprova il marito , l’avv. Chiovari, che oltre ad aprire un gruppo Fb sulla Parrocchia di San Vincenzo, ha scritto nuovamente a Bertolaso, oggi Commissario della Regione Lombardia per l’emergenza Coronavirus, per capire se il quadro gli sia stato davvero regalato e se lo possiede o, in alternativa, se è in grado di fornire delle indicazioni su dove sia finita la tela.

La stessa pittrice Gurgone nella lettera inviata a Bertolaso a fine dicembre del 2007 , dispiaciuta, aveva rimarcato come la tela , raffigurata anche nel libro ” Salina e le Isole Eolie” edito nel 2001 dall’Assessorato regionale ai Beni culturali secondo notizie di turisti e abitanti dell’isola ” sia stata irritualmente ceduta dal parroco , il quale chiaramente non poteva disporne essendo proprietà della parrocchia”.

Va ricordato, infatti, che per quel quadro, imponente , di 200 x 300 cm., raffigurante lo Stromboli in eruzione, la pittrice Gurgone aveva ricevuto incarico nel 1989 dal C.I.P.R.A. ( Comitato italiano promozione rassegne d’arte) per donarlo proprio alla chiesa di San Vincenzo , come è stato poi fatto con regolare atto scritto e posizionato nella parete a destra, poco dopo l’ingresso, per essere ammirato anche da tanti turisti.