Iacolino : Cu è cchiù fissa? Cannalivara o cu ci va’ dappriessu ?

di Gianni Iacolino

il dott. Gianni Iacolino

Una delle più famose e diffuse fake news della storia d’ Occidente fu messa in circolazione nientemeno che dal Papa con l’Atto di Donazione di Costantino col quale si dimostrava come l’imperatore aveva fatto omaggio alla Chiesa del potere temporale. Si attribuiva all’imperatore Costantino la decisione di donare a Papà Silvestro I i domini dell’impero romano di Occidente. Il documento , datato 315 d.c. fu redatto invece trecento anni dopo per affermare una balla utile al Vaticano. Otto secoli dovettero trascorrere ancora, perché il filologo Lorenzo Valla riuscisse a dimostrare la falsità del documento cui tutti avevano creduto o fatto finta di credere. A dimostrazione che le fake news ci sono sempre state anche prima dell’invenzione della stampa , finalizzate alla manipolazione dell’opinione publica.

Dopo l’invenzione di Gutenberg , aumentando la quantità di contenuti, è aumentata anche la quantità di quelli falsi. Uno degli esempi più eclatanti è il caso dei Protocolli dei Savi di Sion, falso storico creato più di un secolo fa, in ambienti antisemiti, per far credere che ci fosse un complotto mondiale giudaico per impossessarsi del mondo ( ancora oggi molti lo diffondono in rete ). Nonostante la stampa offra pure la possibilità delle smentite, non sempre si riesce a mettere a tacere le bugie. Spesso la bufala ha prevalso nella credulità dell’opinione pubblica. La colpa è solo della stampa?

Direi di no. In parte va ricercata nella forte pressione esercitata da individui , movimenti di complottisti interessati o in buona fede ,ma resi fanatici dal desiderio di dimostrare di essere menti fuori dal coro , senza rendersi conto di essere fuori anche dalla logica. Il problema ,quindi, esiste da sempre. Solo che oggi è amplificato e si alimenta di nuove dinamiche, quelle della rete e dei social che prima non esistevano. Il crescere abnorme dei contenuti ha fatto crescere a dismisura anche le bufale. Oggi l’istantaneità della condivisione annulla la necessità dell’approfondimento. L’istantaneità è nemica dell’approfondimento. La verifica di una notizia che puzza di falso richiede tempo e competenza. Meglio farne a meno, potrebbe pure mettere in discussione il castello di carte che ci stavamo costruendo. Siamo nell’era della democratizzazione della rete, era in cui chiunque può diventare produttore di contenuti. Ed è proprio di questa democratizzazione si preoccupò Umberto Eco: «Su sette miliardi di abitanti del pianeta c’è una dose inevitabile di imbecilli. Moltissimi di costoro una volta comunicavano le loro farneticazioni agli intimi o agli amici del bar e così le loro opinioni rimanevano limitate a una cerchia ristretta. Ora una consistente quantità di queste persone ha la possibilità di esprimere le proprie opinioni sui social networks. Pertanto queste opinioni raggiungono udienze altissime, e si confondono con tante altre espresse da persone ragionevoli». Anche Stefano Rodotà si interessò al problema . Pensava  che si trattasse di una battaglia culturale: solo un graduale aumento di riflessione, consapevolezza ed educazione consente un’ecologia della comunicazione in Rete. A salvarci dalla fake news può essere solo la responsabilità e la consapevolezza di chi oggi produce e condivide contenuti.  Cioè tutti noi. 

 La sbornia di onnipotenza, l’uno vale uno, la democratizzazione dei contenuti sono la vera fake news del decennio. Rispetto per le istituzioni, per lo studio, per la professionalità da cui derivano autorevolezza e qualità sono l’ unico antidoto alla spazzatura. È proprio questo il bello della rete . Che tu sia Veronesi, Barnard o il garzone del fornaio, sul piano delle conoscenze vali lo stesso. Il web ha creato per il virus della menzogna un humus formidabile. Prevalgono i cretini  o i mascalzoni ? I primi facilmente abboccano e rappresentano la manovalanza, i secondi sono i criminali architetti dei continui procurati allarme