Sidoti: diporto in crisi, priorità è porto commerciale

Riceviamo da Angelo Sidoti e pubblichiamo

angelo sidotiSe fosse vera la notizia di un mega porto ridimensionato (small marina) siamo veramente all’assurdo. Poi se stiamo parlando solo di porticciolo turistico siamo al delirio. Cosa ne ricava il territorio da una soluzione “ridotta” del porto? Secondo me nulla. Forse qualcuno non ha compreso che bisogna migliorare il porto commerciale prima di tutto. Per le imbarcazioni di piccole dimensioni le strutture galleggianti attuali sono più che sufficienti. E’ notizia di qualche settimana fa che la crisi del settore della nautica italiana potrebbe durare per un lungo periodo compreso tra 3-10 anni.

Il settore ha subito un ridimensionamento del 50% del mercato soprattutto per le imbarcazioni sotto i 30 metri. Per le imbarcazioni di dimensioni maggiori pochi esemplari vengono costruiti in Italia … La produzione si e’ spostata nel Nord Europa. Ed in questo caso la crisi potrebbe durare dai 3-5 anni in Italia anche se abbiamo validi cantieri Benetti-Crn, Baglietto tra i 40-90 metri.

Sono curioso di guardare nel dettaglio il progetto che verra’ proposto da Condotte ma soprattutto il loro piano industriale.

( Da nostre ultime verifiche i progetti sono soltanto per due porti turistici a Pignataro e Marina corta del valore complessivo di 70 mln di euro. P.P.)