Pomiciamo ?!? Meteo !!!

di Marco Miuccio

Pomice… un elemento legato alla storia di Lipari, stato fisico della materia che ha reso la nostra isola madre famosa in tutto il Mondo!

miuccio-rubrica160Il bianco delle spiagge… quello che non sono nemmeno riuscito a vedere, che mi hanno raccontato come qualcosa di unico, attrazione turistica indotta dall’ormai assodato innocuo sversamento di materiale naturale sul litorale, fino a creare quelle meravigliose spiagge bianche che vengono ricercate ancora dai turisti, imbonìti da mendacee copertine di riviste che continuano ad utilizzare le foto del 1980 per pubblicizzare le più belle spiagge d’Italia!

Ma la pomice è stata da sempre sinonimo di lavoro, di benessere economico contrastato dal malessere generato dalle conseguenze dell’inalazione delle sue polveri sottili, generanti la terribile “Silicosi”.

E la pomice continua a dare lavoro… ma questa volta a “pochi”!!!

E ci sono i membri (con rispetto parlando) della democratica “Commissione” creata ad hoc per lo studio della riqualificazione dell’intera area d’estrazione!

E ci sono gli esclusi dalla “Commissione” che sono impegnati a disquisire in merito alla bontà dei lavori della “Commissione”!

E ci sono quelli che difendono ” La Commissione” perchè espressione di parte della Comunità che non vede l’ora di sapere che la pomice, anche se questa volta in maniera indiretta, potrà nuovamente far risorgere l’economia della nostra Isola!

E tra tutti questi… ci sarà qualcuno che faccia in fretta a “metterci mano”, prima che crolli tutta la strada provinciale, a causa dell’intasamento dei tanti canali di scolo delle acque piovane, libere ed incontrollate di far danni al territorio, continuando a creare ferite profonde nella fragile bianca struttura dell’isola ?!?

Confidando che sia idea comune e condivisa la necessaria “cura del territorio”, fiducioso che non si attenda il crollo della bretella stradale, con relativo taglio a metà dell’isola, di non lontana memoria (vedi curva di Acquacalda), attendiamo di conoscere i risultati dell’impegno profuso dalla Commissione, rimpiangendo malinconicamente i tempi in cui non si poteva fraintendere il termine ed era molto meno complicato e decisamente più piacevole…

Pomiciare!!!

Meteo:

Correnti di ponente, che gireranno a Maestrale (NW), caratterizzeranno questo ponte dell’Immacolata, decisamente umido e freddo!

Piogge frequenti, eolianamente intermittenti, ci costringeranno a portare al seguito l’ombrello, facendoci piombare, insieme ad un abbassamento delle temperature, in un “Winter Mood” decisamente inusuale per chi, fino a qualche giorno fa, continuava a far schiattaren il fegato agli amici del Nord, postando sui Social Network foto degli ultimi bagni in mare di Dicembre!

Per Sabato 06 e Domenica 07/12 le correnti del terzo e quarto quadrante potrebbero generare un’onda superiore ai due metri, con difficoltà per i mezzi alati, soprattutto per le solite Bistratt-isole più lontane!

Le navi decideranno sul da farsi… ma confidiamo nelle imprese dei nostri “Capitani Coraggiosi”!

La prossima settimana, sempre umida e variabile, vedrà l’alternarsi di correnti che varieranno verso Greco e Levante, sino ad attestarsi ad un

Ponentazzo da rabbrividire, rendendo, per Venerdì prossimo, più suggestivi gli acquisti di Natale… se riuscirete a partire per farli!

Ma non preoccupatevi..

Perchè, alla fine, esce sempre il Sole!

 

Food:

“Biso sott’olio”

bisoNon una ricetta questa volta, ma una valida, quanto sana, alternativa pre-festiva!

Le imminenti festività ci indurranno a riempirci di zuccheri e grassi, spingendoci ad emulare l’universo, fino al raggiungimento di una condizione di “espansione”!

E non importa che sia un “Pesantone o Biso o Tombarello”, un “Capone o Lampuga”, un “Tonno Alalunga”, ad essere mesi sott’olio..

L’importante è che si ricordi che sono ricchi di proprietà salutari, di Omega 3, ma anche che la loro conservazione deve essere effettuata seguendo tutte le previste prescrizioni delle Normativa Sanitaria vigente, sottolineando che, se ce ne fosse ancora bisogno, chi decide di auto-produrli in casa, secondo le antiche ricette e tradizioni familiari, deve anche auto-consumarli, lasciando a chi è autorizzato a farlo la commercializzazione e la distribuzione del prodotto conservato sott’olio!

Fate attenzione a non far male a qualcuno… ed a voi stessi!

“A ognuno u sò m’stèri… Pù restu…”!!!