Lo Cascio: Pd esca dalla maggioranza

di Pietro Lo Cascio

( Consigliere comunale La Sinistra eoliana)

Pietro Lo Cascio
Pietro Lo Cascio

Il PD sembra risentito della nomina dell’ex assessore PDL al turismo a nuovo assessore al turismo sotto (mentite) spoglie di una lista civica dell’attuale maggioranza. Il portavoce si dimette da portavoce, il segretario PD affida le sue angosce a pubblica lettera dove invita i due assessori PD a vigilare (ma su cosa dovrebbero vigilare, più di quello che vedono attorno a loro, non si capisce…). Uno dei due assessori, invece di vigilare, vorrebbe che tutto torni come prima, tarallucci e vino compresi. Il sindaco, invece, in una estenuante intervista di 45 minuti rivendica l’autonomia della sua scelta e le proprie prerogative; il neo-ex-assessore, dice, risponderà a lui soltanto, come se fosse un automa, e finiamola con le polemiche.

Non posso non chiedermi, a questo punto, se tutto ciò sia una colossale pantomima o se ci sia del marcio in Danimarca. Mi spiego meglio: se è un giochetto per alzare la posta, o se è un disagio che finalmente – e ci voleva il povero Starvaggi – il PD comincia a percepire, e a manifestare. Almeno, una parte del PD. Secondo me, il dubbio potrebbe essere sciolto da una semplice azione: uscire dalla maggioranza, prendere le distanze da un’amministrazione che sta dimostrando una inattesa linea di continuità con la precedente, e tanto biasimata, amministrazione Bruno. Lasciamo stare il giudizio sull’operato, sui risultati, possiamo avere opinioni diverse e loro sono parte in causa. Ma trovarsi a tavolino con ex-amministratori che hanno condiviso la responsabilità dello sfascio degli ultimi anni – e non me ne voglia Starvaggi, nulla di personale ma sul piano politico è così e basta – è veramente la cosa che fa la differenza. La differenza tra essere una forza politica coesa e credibile, oppure no.

Pietro Lo Cascio