Lo Cascio: l’Unesco ignora l’esistenza di un cantiere sotto il vulcano

Il Consigliere comunale De La Sinistra contro le dichiarazioni del sottosegretario Velo

Lipari, 4 giugno 2014

L’Unesco e il depuratore di Vulcano.

Pietro Lo Cascio
Pietro Lo Cascio

Come spesso accade in queste occasioni, anche nel recente convegno sul “parco marino” purtroppo si è ceduto alla facile tentazione di un uso strumentale dei fatti. Non mi riferisco tanto all’oggetto del contendere – l’area marina protetta, o meglio, le lotte interne alla maggioranza che amministra questo paese – quanto alle fugaci e immaginifiche affermazioni riguardanti il depuratore di Vulcano.

La questione, come è noto, è stata riproposta dalla signora Berart, una nostra concittadina che con grande sensibilità ha preso a cuore la vicenda, indirizzando al sottosegretario all’ambiente on. Silvia Velo alcuni quesiti relativi alla localizzazione dell’impianto; questione, peraltro, oggetto di alcuni esposti presentati da associazioni ambientaliste, che hanno evidenziato profonde carenze nella documentazione tecnica e nel procedimento adottato dall’allora commissario all’emergenza Pelaggi – oggi agli arresti domiciliari, sebbene per altre vicende.

“L’Unesco ci chiede di fare i depuratori”, per tutta risposta, è stata l’affermazione dell’on. Velo durante il suo intervento conclusivo.

Peccato che non esista alcun documento ufficiale del World Heritage Committee dove l’Unesco abbia chiesto di realizzare depuratori. Inoltre, sarebbe quantomeno singolare che l’Unesco avesse chiesto di realizzarne uno proprio alla base di un vulcano attivo, quando la tutela della morfologia e del paesaggio vulcanico costituiscono uno dei presupposti di base per la nostra permanenza nella lista dei Patrimoni dell’Umanità.

Se da un punto di vista logico la necessità di un depuratore è comprensibile, anzi, assolutamente condivisibile, andare a realizzarne nel mezzo di uno dei contesti ambientali più importanti ed espressivi del Sito Unesco delle Eolie lo è molto meno, e ancora di più se – per farlo – si è dovuto brigare con le carte e scrivere falsità.

Essere sottosegretari da qualche mese evidentemente non basta per stabilire un contatto telepatico permanente con l’Unesco, in grado di fare sciorinare al momento responsi che ci illuminino sulla volontà di un organismo sovranazionale, nemmeno se il sottosegretario in questione è l’on. Velo.

È più probabile invece, per non dire certo, che l’Unesco ignori l’esistenza di un cantiere di tale portata a qualche centinaio di metri dal cratere di Vulcano; se per questo, diciamola tutta, ignora anche che le Eolie non siano un parco nazionale, dato che dopo le rassicurazioni espresse dall’allora ministro Prestigiacomo nessuno si è premurato di informarli che quel parco – in realtà – non è mai stato istituito.

Sarebbe stato dunque più corretto, almeno intellettualmente, dire “non so”, “chiederò”, “mi informerò”. Meglio ancora, ammettere che nella scelta della localizzazione il ministero all’ambiente qualche responsabilità ce l’ha – anche se l’on. Velo, all’epoca, si occupava di altre cose – e che le decisioni di un commissario non sono infallibili, senza tirare in ballo l’Unesco. Ma sarebbe stato un atto di umiltà, virtù che – negli ultimi anni – si pratica con sempre maggiore difficoltà.

Pietro Lo Cascio

consigliere comunale de La Sinistra