Lipari : Un altro ripetitore telefonico, prime proteste

Un ripetitore telefonico, questa volta di Iliad, è stato montato anche a Lipari, in un’altra struttura turistica e… montano, di conseguenza le prime proteste , come del resto avvenuto in passato per i diversi impianti dislocati nei centri storici dell’isola e non. Iliad cercava un posto in quella zona e, probabilmente, lo avrebbe trovato comunque. Chi ci scrive segnala ” le tante perplessità dei vicini, degli operatori scolastici e dei genitori dei bambini che frequentano la vicina scuola elementare e l’ancor più vicino (pochissimi metri) asilo nido delle suore” evidenziando quello che è ” un tema fortemente attuale e controverso per i potenziali rischi sulla salute, soprattutto dei più piccoli”.

Dalle verifiche effettuate, è tutto in regola. E ci mancherebbe. Bruttura paesaggistica ? C’è l’ok della Soprintendenza. Del resto, di questi impianti, sin dall’albero finto di Capistello, e per i quali oggi si sostiene che impattino meno di un forno a microonde, non ne è stato smontato uno in trent’anni, nonostante ricorsi al Tar e sterili insurrezioni popolari che il Comune o i comuni finiscono col perdere, perdendo fior di quattrini. Ma non è scontato a priori.

Cosa può fare il Comune per evitare che si installino in centro ? Il Consiglio comunale di recente si è espresso per il “no” al 5G. Potrebbe, il condizionale è d’obbligo, aiutare quanto varato dall’Amministrazione comunale di Livorno , ad agosto, in attesa di un piano delle antenne. Alleghiamo l’articolo :

https://www.iltelegrafolivorno.it/cronaca/ripetitori-il-nuovo-regolamento-tutela-tutti-1.6690301

Ma per completezza di informazione ecco cosa riporta anche il noto sito La Legge per tutti