Lido a Lingua ? Per Lo Cascio problema Regionale ma Lo Schiavo chiarisce

Il sindaco  : la Regione lo ha già definito illegittimo

SALINA_1500-04-30-43-4354Santa Marina Salina e nulla osta della Provincia, con proteste del sindaco Lo Schiavo che minaccia di far uscire il suo Comune dall’ Unesco, alla realizzazione di uno stabilimento balneare a Lingua, in zona di pre riserva. Per Pietro Lo Cascio, consigliere comunale de La Sinistra a Lipari nonchè componente del circolo di Legambiente, ” la questione è posta male”.

“Tecnicamente, la Provincia- sostiene Lo Cascio su Facebook- – ha emesso un parere circostanziato sulle sue competenze e il “famigerato” lido non confligge con le priorità conservazionistiche. Bisognerebbe chiedersi invece- ha continuato Lo Cascio- perché la Regione tarda ad approvare il piano di utilizzo del demanio marittimo – che il comune di S.Marina ha predisposto, in maniera lungimirante e che escluderebbe lo sviluppo di un lido nella zona interessata. La Regione- ha concluso- ama fare cassa, sulla pelle delle coste siciliane”.

Abbiamo nuovamente interpellato il sindaco Lo Schiavo il quale spiega che ” il Piano di utilizzo del demanio marittimo nella questione non c’entra. Si tratta di area privata e la Provincia non può circostanziare ciò che chiaramente e con ben 3 note la Regione, istitutrice del vincolo, ha definito illeggittimo in quanto in violazione tanto del regolamento della RNO, quanto della convenzione che intercorre tra la regione (Assessorato Territorio e Ambiente) e la Provincia.