Expo: si poteva fare di più ma manca chi guarda lontano

di Daniele Corrieri

Expo 2015, Eolie pronte a un week end di successo?

peter-pan160Andiamo per ordine: Da venerdì 8 a domenica 10 maggio saremo presenti con una nostra area all’Expo 2015, dove presenteremo i vari prodotti tipici. Cinque chef prepareranno le loro specialità e sempre durante le giornate, degustazioni di dolci tipici e convegni su vulcanologia, ambiente e territorio, archeologia, cinematografia. Per concludere, le tre sere riserveranno spettacoli dal vivo col gruppo folk e un gruppo musicale locale.

Che dire, a prescindere dalla riduzione dei sette giorni proposti in origine ai tre effettivi di partecipazione (gestione Gal) il menù è pieno. Pensavo , piuttosto, che le aziende che non si occupano di ristorazione e prodotti tipici (hotel, agenzie viaggio, immobiliari) avessero preparato un loro pacchetto turistico mirato, percorsi enogastronomici per le Eolie. Invece? Nulla. Probabilmente ci saranno delle lamentele o critiche. Ma anche questa volta, come da tradizione, molti si aspettavano la tavola apparecchiata per sedersi belli comodi e senza prendere iniziativa o proporre, salvo lamentarsi che non sapevano delle riunioni. Forse se avessero cooperato tra loro gli extra tema expo, avrebbero presentato qualcosa . Aziende e imprenditori a corto di idee ? Dal braccino corto? Peggio per loro, avranno modo di rifarsi a ottobre.

Ormai il dado è tratto; ora serve che, per avere un grande successo e soprattutto una grande visibilità mediatica, gli uffici competenti, l’Amministrazione e chi ha intenzione di sostenere questa manifestazione anche da semplice cittadino, facciano si che ci siano stampa, tv e inviti che quaglino presenze produttive. Non è una missione impossibile ma bisogna fare il possibile, anche perché l’investimento di questo Comune pari a circa 50 mila € deve portare qualche risultato sia di visibilità che di brand.

Concludo, facendo un elogio al Sindaco che per l’occasione ha saputo scegliere un ottimo consulente come il geom. Aldo Natoli che, nei fatti, su tutto ciò che è burocrazia dell’evento e anche sugli aspetti tecnici ha fatto la sua parte. Da sottolineare che la sua agenzia ha rinunciato a partecipare all’organizzazione dei viaggi onde evitare polemiche.

Vedo un pò stressato l’assessore Starvaggi che ha dovuto far digerire il programma alla Regione, facendo le capriole e lottando sino a giovedì scorso per avere le date certe; per sua fortuna, sui circa 60 partecipanti non ha speso 10 minuti al giorno per ognuno di essi. Anche perché 600 minuti pari a 10 ore al giorno di chiacchiere sarebbero state troppo. Mi raccomando Assessore : non è che martedì succede qualche colpo di scena in Consiglio e mercoledì si dimette? Dai facciamo l’estate e a settembre ne riparliamo…tanto ad ottobre dobbiamo ritornare all’Expo… vero Assessore?