Trasporto rifiuti: a fine mese scade l’ordinanza, rinnovo come ?

Giorgianni probabilmente costretto a firmare ordinanza per 2 milioni… che non ci sono

La nave che trasferisce la spazzatura
La nave che trasferisce la spazzatura

Lipari- Comuni in crisi finanziaria per i mancati trasferimenti della Regione e vari problemi , ovunque, nell’assicurazione dei servizi essenziali, già da fine mese, come negli enti in predissesto, tra i quali spicca una località rinomata come Taormina, oltre a vari capoluoghi di Provincia. Ovviamente anche il Comune di Lipari che, particolare non da sottovalutare, e’ il quinto ente in assoluto a livello regionale, a ricevere più fondi da Palazzo d’Orleans, ha le sue grane.

Su tutti , nell’immediato , quello del trasporto rifiuti con nave dedicata. Tra quattro giorni scade l’ordinanza per il trasferimento via mare della spazzatura. Come rinnovarla, dunque, dal momento che soldi da Palermo non ne sono arrivati ? Occorrono per i prossimi sei mesi altri 2 milioni di euro per la ” crociera delle bucce di banana”.

italiana capers sud

Probabilmente il sindaco Marco Giorgianni, come avvenuto in questi anni , anche per altri problemi, si assumerà la responsabilità di firmare ugualmente l’ordinanza per la continuazione del servizio in attesa che , dopo gli ” schiaffi ” al governo Crocetta di ieri sera , da parte del Ministro Alfano ( che non è il ministro all’Economia) , si trovi la quadra per superare questo grave momento. Sicuramente , il più grave, dal dopoguerra ad oggi.massaggio 1

Per il resto, invocare l’ incremento della differenziata fino al 65% previsto dalla legge è scontato quanto indispensabile. Ma è prioritario , perchè lo dimostrano i fatti ( ennesima richiesta di emergenza al governo nazionale) attuare una vera riforma per mettere nelle condizioni i comuni , specie quelli plurinsulari, come Lipari , appunto, di poter  trasformare i rifiuti in risorsa direttamente in loco. Perchè prima il legislatore deve pensare ai rifiuti – risorsa, per fare a meno anche della nave dedicata e dopo alle società di gestione. Troppe lungaggini a Palermo per poter dotare le Eolie ( sei isole )  delle aree di trasferenza ( già finanziate con i fondi residui dei patti territoriali) oltre che di un centro unico di compostaggio.  L’esempio Pantelleria ? E’ solo un’isola. Le Eolie, lo ricordiamo a chi fa finta di non aver studiato la geografia, sono un arcipelago.

filippino