Tonno rosso: le norme in vigore per lo sbarco

pescatoriLipari- Il porto dell’isola ( Pignataro) è stato nuovamente inserito nell’elenco delle strutture autorizzate allo sbarco del tonno rosso ( Thunnus Thynnus) ma ciò , ovviamente, non significa che chi pesca il tonno può sbarcarlo come gli pare. La materia è disciplinata dal regolamento  CE 302/2009. Preliminarmente va sottolineato che alle Eolie nessun peschereccio, dei pochi ancora in attività, è in possesso di quote da osservare per la cattura; l’agevolazione di un porto di sbarco vicino, pertanto, è rivolta alle unità di fuori che vengono a pescare nella nostra area.

filippino 5 marzoPer quanto riguarda le catture accessorie  o accidentali , invece, sono disciplinate nella misura di 750 kg a barca; nella misura del 5%, in peso o in numero di esemplari rispetto a quelle mirate. Praticamente ogni 100 pesci mirati possono esserci cinque tonni rossi di cattura accidentale.

massaggio 1

Pescherecci con quote assegnate e unità che effettuano catture accessorie devono comunicare la cattura con congruo anticipo alla Capitaneria prima dell’arrivo in porto ai fini della predisposizione e compilazione di specifica documentazione.

Per la pesca sportiva e ricreativa è concesso, su nulla osta triennale rilasciato sempre dalla Capitaneria  un solo esemplare al giorno, dal 15 giugno in poi , fino al termine previsto per tale attività come da regolamento.  La taglia minima per la cattura, in ogni caso, è di 30 kg o 115 centimetri.  Il tonno , una volta catturato, non può essere buttato in mare.

paino giovanni