Pumex Spa dichiarata fallita

pomice

Revocato il concordato

Lipari- I giudici del tribunale di Barcellona ( presidente Michele Galluccio) hanno dichiarato fallita per insolvenza la Pumex Spa . A carico dell’azienda , nota per l’escavazione e la commercializzazione della pomice nel mondo fino al 2007, sono stati accertati debiti scaduti e non pagati per oltre 30 milioni di euro. Entro tre giorni saranno apposti, come da ordinanza, i sigilli agli immobili industriali di Porticello e Acquacalda. In base alla relazione depositata dal commissario giudiziale prof. Massimo Galletti e – si legge oggi sulla Gazzetta del Sud- sulla scorta dello sviluppo della procedura descritta dal liquidatore nelle relazioni periodiche , il Tribunale ha preso atto che sono stati venduti soltanto gli immobili di Milano , dove si trovavano gli uffici. Sulla riconversione delle aree pomicifere , che rappresenta una scommessa di sviluppo per Lipari, il Tribunale ha evidenziato la lunga durata della procedura del concordato – 6 anni dal ricorso introduttivo e quasi 4 dal decreto di omologazione- affermando che la proposta del progetto di  ” partenariato pubblico-privato” per la trasformazione degli immobili di Porticello e Acquacalda appare ” piuttosto uno strumento per procrastinare sine die la liquidazione dei beni e quindi frustrare la ragione dei creditori”. Il piano oltre alla cessione dei beni e il pagamento dei creditori prevedeva anche la ripresa dell’attività produttiva attraverso la commercializzazione del prodotto in esubero , la messa in sicurezza dell’area di cava , la riconversione del sito industriale ad attività turistica – ricettiva e di servizi al turismo.

( E’ fallita un’azienda che sull’isola ha distribuito, fino al 2007, lavoro e ricchezza. Dopo, il sequestro della magistratura e la fine di un’attività , comunque, già scritta per restare patrimonio dell’Umanità Unesco. Ad otto anni di distanza, ex dipendenti ancora precari e chissà quanto tempo passerà per la riconversione di un’area che cade a pezzi e che, paradossalmente, da risorsa , oggi, rappresenta un grosso rischio per la mancata messa in sicurezza sia dei profili di cava che della strada sottostante fino a Porticello. Alla politica, il compito, come sempre, di dare alla comunità quelle risposte che ad oggi , purtroppo, continuano a mancare. Auguri Lipari. P.P. )