Programmazione ? L’ex assessore Starvaggi suggerisce struttura per ricerca e gestione fondi Ue

Comunicato stampa

l'ex assessore Davide Starvaggi
l’ex assessore Davide Starvaggi

Non è facile tradurre in poche righe quanto sento di dire a questo punto del percorso nell’amministrazione del paese. La delega affidatami ha preteso, come sempre pretenderà, impegno in termini di tempo e di competenze e personalmente credo di non essermi mai risparmiato, anche se il momento di crisi economico-finanziaria che stiamo vivendo, sia locale che regionale e nazionale, non consente la promozione che queste Isole meritano.

Ringrazio il Sindaco Marco Giorgianni per avermi consentito di gestire tale sfida in ben due anni di Amministrazione e in tutte quelle occasioni nelle quali l’Amministrazione comunale ha potuto dimostrare, orgogliosamente, il proprio ruolo, la propria competenza ed il fatto di avere a cuore il bene del proprio Paese. La ringrazio, Sindaco, per la totale fiducia che mi ha riservato consentendomi di occuparmi anche di grandi temi come il DUPIM, il Patto Territoriale, il GAL, o la partecipazione del Comune di Lipari a EXPO Milano 2015, che mi lascia una grande emozione e soddisfazione e che ha rappresentato per il nostro territorio motivo di orgoglio e senza alcun dubbio, in quel momento storico, ha rappresentato un’occasione di riscatto per la nostra stupenda Sicilia.

massaggio 1

Purtroppo, per motivi familiari e professionali, non posso più garantire la mia totale presenza ed è per questo motivo che ho rassegnato le miei dimissioni dall’incarico affidatomi.

E’ stata un’esperienza positiva che mi lascia una grande formazione e mi completa su alcuni temi che oggi mi portano a sensibilizzare il mondo imprenditoriale sul ruolo che essi non si sono ritagliati nei processi di sviluppo sia da parte pubblica che da parte privata, e che mirano alla valorizzazione e all’implementazione dell’offerta turistica del nostro Comune.

Oggi la Pubblica Amministrazione, dal canto suo, ha notevolmente ridotto gli ambiti di intervento limitandosi, nella maggior parte dei casi, a quelle iniziative che sono legate alla spesa dei fondi provenienti dai programmi comunitari (FESR, FEASR, FEAMP, ecc.).

Non mi riferisco solo al Comune di Lipari ma a cascata a tutti gli Enti pubblici locali. Basti pensare, infatti, che fino a poco tempo fa la sola Regione Sicilia spendeva parecchi milioni di euro in attività di promozione, di animazione, di valorizzazione e in alcuni casi con dei circuiti (come il CIRCUITO DEL MITO) che coinvolgevano quasi tutto il territorio regionale, o pensiamo ancora alla Provincia (oggi Libero Consorzio Comunale) che è totalmente scomparsa su tali attività.

paino giovanni

La necessità di costruire e formare una struttura adeguata alla ricerca, gestione e rendicontazione delle risorse comunitarie è divenuta inderogabile poiché in assenza di essa non si potrà mai in alcun modo proporre e pensare di sviluppare una programmazione di cui si faccia carico in modo esclusivo l’Ente Comunale.

Quanto detto, a mio parere, è legato alla carente preparazione sull’argomento divenuto una vera e propria attività di tipo professionale, ed inoltre gli adempimenti a cui sono sottoposti giornalmente gli uffici del Comune lasciano purtroppo poco tempo a detti percorsi.

Rivolgo questo pensiero alla classe imprenditoriale eoliana, perché sono convinto che oggi più di ieri vi sia la necessità che gli stessi si facciano carico di un percorso che vada in questa direzione sottoponendo di volta in volta al Comune iniziative da sostenere in linea con il momento socio-economico e commerciale in quanto gli stessi rivestono il ruolo di indicatori.

La capacità si raggiunge lavorando, in quanto frutto di studio ed esperienza, e sono convinto che questa Amministrazione, oltre al fatto che lavori, abbia permesso al nostro territorio di “dribblare” grandi problemi e mi auguro che possa continuare a farlo in uno scenario in cui le condizioni non lo consentono.

Queste battute hanno il solo interesse di sensibilizzare l’opinione, e potranno essere o non essere condivise, ma sono sincere e propositive e sopratutto consapevoli delle problematiche strettamente connesse alla realizzazione di quanto suddetto.

Infine, non sicuramente per importanza, volevo ringraziare coloro che mi hanno consentito di vivere questa esperienza proponendo il mio nome al Sindaco per ricoprire la carica di Assessore riferendomi a Nuccio Russo ed Ugo Bertè che, anche se ad un certo punto hanno visto dividersi i percorsi, mi lasciano un bellissimo ricordo delle intense giornate di lavoro passate insieme per trattare alcuni dei lavori da portare avanti nonché soluzioni e proposte da sottoporre all’Amministrazione.

Tanti auguri quindi ad Ersilia, che conosco e stimo da anni, augurandole un proficuo lavoro essendo certo che lascerà il segno del suo passaggio.