Piromani, DIA locale e ” pifferi” incompiuti

peter-pan160di Daniele Corrieri

A Lipari spesso accade che la “DIA” locale  le spara grosse e nel farlo non solo le spara, ma pensa di convincere il popolo che le cose stanno cosi! La DIA Liparota (Direzione Idiozie Autorizzata), purtroppo interviene “ove convenga” spargendo malignità e finta solidarietà, anche perché quando si è per la solidarietà “pubblica” o la si fa e se ne parla per tutti oppure è solo speculazione per gettare fango ad uso e consumo dei proveri cittadini.

A proposito di piromani e sabotatori di natanti: ma a Lipari si sono accorti che due imprenditori hanno subito due attentati, uno su una barca nel mese di agosto e uno ieri su un mezzo di lavoro? E il Consiglio comunale per quel natante affondato e per quel furgone di quel povero padre di famiglia oggi dov’è ? E gli amici della solidarietà e la DIA locale che fine ha fatto? Si sono stupiti? Stanno raccogliendo fondi?

Cari “Pifferi” incompiuti, cari membri della DIA locale, Lipari è una sola e va difesa sempre e comunque e spesso si parla pur di parlare o di vedere chi la spara più grossa. Forse è tempo che l’isola inizi a guardarsi bene dentro e finirla con i “curtigghi” pilotati!

Detto ciò la mia totale solidarietà va a tutti coloro che negli ultimi 25 anni hanno subito atti intimidatori a partire dal 1988 in quel di via Balestrieri con “solo” 80 milioni di danni fino a quello di qualche notte fa a Pianoconte!

Forse è tempo che la DIA locale inizi a capire dove stà il malessere e perché si verificano tali atti

Io suppongo che i codardi “piromani”non andrebbero carcerati, ma semplicemente fatti curare perchè è gente che sta male ;   i pifferi, i manipolatori del consenso, invece, andrebbero messi alla gogna. Sono loro il vero pericolo sociale di questa Lipari oggi povera di uomini con  le palle…del resto le hanno tutte messe sull’albero.

Buon lavoro ai Carabinieri e totale fiducia nel loro operato!