NCD non sosterrà il governo Crocetta

“La coerenza ci impone la correttezza. Siamo all’opposizione e rimaniamo come forza d’opposizione, avendo perso le elezioni. Non chiediamo e non chiederemo nulla, incalzeremo questo Governo regionale che non ha una maggioranza politica in Aula e in casi eccezionali, come è successo per i precari, saremo responsabilmente attenti. Per tutto il resto le scelte politiche non ci appartengono e noi le controlleremo e contrasteremo”. Lo ha detto Renato Schifani, leader del Nuovo Centrodestra, parlando con i giornalisti al termine della prima riunione formale del gruppo all’Assemblea regionale siciliana, stoppando così le ipotesi di “modello Letta” anche in Sicilia.

“Su tutti i temi emergenziali, strategici e sui grandi temi strutturali non ci sottrarremo. Ma non piu’ di tanto, non chiediamo nulla”, assicura Schifani, che rigetta dunque l’ipotesi di un ingresso nella maggioranza, venuta nei giorni scorsi dal ministro Udc Giampiero D’Alia.”Grazie a D’Alia per la fiducia di un governo eventualmente di larghe intese, ma riteniamo che una nostra posizione come questa esplicitata oggi faccia chiarezza su un questo balletto al quale non vogliamo partecipare“, afferma Schifani.

“Annuncio la costituzione del gruppo del Nuovo Centrodestra all’Ars. I nostri deputati sono sette, anche in Sicilia oggi istituzionalmente e politicamente parte la nostra avventura – continua il leader del Nuovo centrodestra -. Insedieremo dei traghettatori fino all’Assemblea costituente nazionale, in programma a marzo”. Secondo Schifani “bisognerà dare una marcia in più. Un nuovo partito ha bisogno di uno stimolo ulteriore dal quale non vogliamo sottrarci”.

Intanto il sottosegretario Giuseppe Castiglione e il deputato Dore Misuraca restano i coordinatori di Ncd in Sicilia.

blogsicilia.it