Moderati per Calderone : “ritardo utilizzo somme sostegno alimentare ingiustificabile”

Fonti e Mollica in una nota sollecitano l’Amministrazione alla pubblicazione di un bando in tempi brevi o scriveranno alla Regione

Buoni spesa, Moderati per Calderone : "non intercettato reale bisogno alimentare"

In riferimento al DDG n. 340 del 04 aprile 2020 Assessorato Regionale della Famiglia, delle Politiche Sociali e del Lavoro – Dipartimento della Famiglia e delle Politiche Sociali – Regione Siciliana.

La Deliberazione di Giunta Regionale n. 124 del 28.03.2020 e s.m.i., ha disposto misure urgenti per sostenere i nuclei familiari che versano in condizioni disagiate e che non possono fare fronte con risorse proprie ad esigenze primarie, destinando complessivi € 100 mln, di cui  € 30 mln a valere sul PO FSE obiettivo specifico 9.1, di cui il Dipartimento della Famiglia e delle Politiche Sociali è Centro di Responsabilità e sono stati individuati i Comuni quali soggetti pubblici cui assegnare le risorse in quota capitaria, giusta Tabella allegata alla stessa Deliberazione.

Con il DDG n. 340 del 04 aprile 2020 si approva lo schema in Allegato 1, parte integrante del presente decreto, che ripartisce tra i Comuni le risorse disponibili in quota FSE 2014/2020, complessivamente pari a                            € 29.999.346,00, in misura pari al 30% della quota di riparto per Comune prevista nella Tabella allegata alla Deliberazione di Giunta Regionale n. 124 del 28.03.2020, e si dispone l’erogazione, tramite mandato di pagamento, in favore dei soggetti beneficiari delle somme così come indicate nell’Allegato 1.

In data 04 maggio 2020, sono state accreditate sul conto corrente del Comune di Lipari le risorse impegnate in forza del DDG n. 340 del 04 aprile 2020 e per il rispettivo importo di 76.926,00 euro.

A distanza di un mese, l’Amministrazione del Comune di Lipari non ha provveduto ad impegnare la prima tranche del contributo erogato per le “Misure di sostegno all’emergenza socio- assistenziale da COVID-19” ai sensi della Deliberazione della Giunta Regionale n. 124 del 28.03.2020.

Con l’Ordinanza di Protezione Civile n. 658 recante “Ulteriori interventi di protezione civile in relazione all’emergenza relativa al rischio sanitario connesso all’insorgenza di patologie derivanti da agenti virali trasmissibili” si assegnava ai Comuni italiani un contributo pari a 400 milioni di euro per interventi di solidarietà alimentare. E il Comune di Lipari ha ricevuto la propria quota di finanziamento pari a 108.000,00 euro circa.

Con l’Interrogazione n. 1/2020 del 16.4.2020 “Erogazione buoni spesa nel territorio comunale” abbiamo chiesto chiarimenti all’Amministrazione  in merito alle procedure di assegnazione del beneficio e alle modalità organizzative per l’erogazione dei buoni spesa.

Siamo intervenuti, affidando a una interrogazione a risposta scritta  considerazioni e dubbi sulle procedure, per rispondere alle richieste di aiuto pervenute da più parti. Moltissimi cittadini hanno infatti lamentato l’esclusione dal beneficio nonostante il dichiarato stato di necessità e il possesso di tutti i requisiti richiesti per l’assegnazione dei buoni spesa.

Non essendo pervenuta alcuna risposta scritta, entro il termine previsto per legge, in data 18.5.2020 con un’altra nota abbiamo sollecitato l’Amministrazione comunale ad adempiere entro e non oltre le 24 ore. E il termine era motivato ovviamente dalla gravità delle circostanze.

Con nota  Prot. n. 6804 datata 15.5.2020, pervenuta ai sottoscritti in data 18.5.2020, avente ad oggetto “Riscontro Interrogazione n. 1/2020 del 16.4.2020 “Erogazione buoni spesa nel territorio comunale” l’assessore ai Servizi Sociali del Comune di Lipari  rispondeva parzialmente ai quesiti posti e dava informazioni riguardo al numero di istanze pervenute (1.053 di nuclei richiedenti)  indicando quelle accolte (485 istanze su 750 circa ammissibili), fino ad esaurimento delle risorse (108.000,00 euro circa), con l’erogazione di ben 1080 buoni spesa.

Se la matematica non è un’opinione, ricaviamo un dato preoccupante ovvero che nel Comune di Lipari ben 265 famiglie, ritenute dagli Uffici Servizi Sociali in possesso dei requisiti per l’accesso al sostegno alimentare, non hanno ricevuto alcuna risposta e attendono il contributo previsto per legge da oltre due mesi. 

Riteniamo il ritardo nell’utilizzo delle risorse impegnate in forza del DDG n. 340 del 04 aprile 2020 e per il rispettivo importo di 76.926,00 euro, peraltro più volte da noi denunciato nel corso delle sedute di Consiglio Comunale, oltremodo ingiustificabile.

I decreti  varati dal Governo nazionale e dal Governo regionale per il sostegno alimentare dei meno abbienti e per l’accelerazione delle misure di sostegno economico rispondono a precisi bisogni delle comunità. E’ un preciso dovere delle Istituzioni territoriali agire nell’interesse delle persone in momentanea difficoltà perché un evento assolutamente imprevedibile non diventi occasione utile alle  disuguaglianze.

L’emergenza sanitaria ancora in corso ha determinato, a seguito del lockdown, una crisi economica che preoccupa.  E’ bene che ognuno di noi faccia la propria parte perché nessuno resti indietro come è giusto che sia in una società solidale e in un paese democratico.    

Se l’Amministrazione comunale non dovesse, in tempi brevissimi, utilizzare le risorse di cui dispone per il sostegno alimentare dei meno abbienti, pubblicando un altro Avviso pubblico e modello di richiesta del beneficio, invieremo per i motivi citati e per le opportune verifiche una nota dettagliata all’ Assessorato Regionale della Famiglia, delle Politiche Sociali e del Lavoro – Dipartimento della Famiglia e delle Politiche Sociali – e all’Assessorato Regionale delle Autonomie Locali e della Funzione della Regione Sicilia.

Lipari,  29 aprile 2020

I consiglieri comunali

  Gesuele Fonti

 Eliana Mollica       

Bozza automatica 101
Annuncio creato il 5 Marzo 2021 18:01