Merlino (Pd): tutti uniti per il potenziamento dell’ospedale e senza rinunce

Riceviamo da Saverio Merlino, segretario del Pd di Lipari, e pubblichiamo

il segretario del Pd di Lipari Saverio Merlino
il segretario del Pd di Lipari Saverio Merlino

Le considerazioni di Chiara Giorgianni del 24 febbraio u.s. danno un serio contributo per superare la “confusione” che in queste ultime settimane si è creata sulla questione della chiusura del Punto Nascite, per la cui riapertura ovviamente non si può prescindere da un potenziamento e una riorganizzazione di tutti i servizi offerti su tutto il territorio eoliano e in modo particolare presso l’ospedale di Lipari.

Sembrerebbe, purtroppo, che l’attuale gestione della sanità alle Eolie non abbia alcun rapporto con il territorio e le sue esigenze.

L’ospedale di Lipari, infatti, serve sette isole e non può vivere in continuo stato di emergenza. Serve una programmazione seria e l’ottimizzazione della struttura che, in atto, è lontana da quello che dovrebbe garantire ai cittadini eoliani.

Va molto bene la costituzione di un tavolo tecnico sulla questione sanità, ma sarebbe più opportuno – a mio parere – che il Consiglio Comunale chiedesse al Direttore Generale dell’ASP una relazione sullo stato attuale dell’Ospedale di Lipari, sulla copertura dei posti vacanti, sulla mobilità, etc…

L’Ospedale continua a vivere una situazione difficile e non si intravedono tentativi di riordino efficaci, condivisi, adeguati a vocazioni e risorse.

Il nostro Ospedale appare disperatamente vuoto e si ha l’impressione che invece di potenziare i reparti che funzionano, lo si lasci morire, lo si lasci andare verso una condizione di “inefficienza” e questo non certo per carenza di professionalità.

Non si comprende il perché, forse per abbassare il valore (economico) del nosocomio ed arrivare alla chiusura giustificata prima di un reparto e poi dell’intero Ospedale?

Ad oggi solo la dedizione e l’impegno giornaliero di medici ed infermieri hanno evitato sia la paralisi delle sue attività, sia disagi ancora più gravi.

Perché c’è poca attenzione, perché si fa poco o niente per difendere il nostro ospedale?

Il progetto di valorizzazione dell’ospedale, che ha impegnato un cospicuo investimento di risorse economiche per la riqualificazione edilizio-impiantistica (di ottimo livello), attuato da poco tempo, faceva ben sperare. Ma in queste condizioni appare uno spreco.

Sembrava ci fosse l’intenzione di valorizzare, ottimizzare e rendere più efficiente l’Ospedale di Lipari non solo con il mantenimento e il potenziamento del Punto Nascite in sicurezza assoluta, ma anche con la creazione di un centro donna e assistenza alla maternità, anche con il potenziamento del pronto soccorso, del reparto di traumatologia, di medicina e di chirurgia.

Ritorno, quindi, alle considerazioni di Chiara Giorgianni, che senz’altro condivido e faccio mie, perché tutti, per ciò che compete il ruolo che ognuno svolge nella nostra comunità eoliana, in primis le istituzioni preposte, si impegnino per una riorganizzazione e un potenziamento “reale” dell’intero presidio ospedaliero, a partire dall’integrare il personale sotto organico e quindi con l’adeguamento e la corretta funzione di tutti gli strumenti, per scongiurare dunque la chiusura definitiva del Punto Nascite.

Però tutti, proprio tutti, dobbiamo essere convinti che non può essere accettato il principio che per ottenere una richiesta si debba rinunziare all’altra.

Questo, almeno da parte mia, assolutamente no.

Sin dall’ormai lontano 2010 ho intrapreso questa civile lotta affinché si potesse continuare a “Nascere a Lipari”, ovviamente in piena sicurezza, per i tantissimi motivi di ordine etico e sociale che ormai è inutile ripetere poiché, sono convinto, che li conoscono anche le pietre…

Sono pronto, con lo stesso impegno di sempre, se può servire, a continuare a lottare  fianco a fianco con l’Amministrazione Comunale, con il Consiglio Comunale e con tutti coloro cui sta a cuore la difesa di questi diritti civili e costituzionali.

Lottare per il potenziamento e la riorganizzazione di tutti i servizi offerti presso l’ospedale di Lipari e la riapertura del Punto Nascite che, per mille ragioni, mi appare come una di quelle risorse sicuramente sottratte al nostro territorio, principalmente alle mamme e a tutte le donne eoliane.

Il potenziamento dei servizi offerti presso l’ospedale di Lipari non può assolutamente essere barattato ma è dovuto, anzi sono convinto che ci siano tutte le condizioni ed i buoni motivi affinché il nosocomio liparese ottenga la deroga per la riapertura del Punto Nascite (almeno di primo livello per garantire i parti rischio 1 ed emergenza) dove, specialmente in sala parto, sia indispensabile la chiarezza della catena di comando decisionale tra i diversi attori coinvolti.(Parlo di riapertura perché, anche se nessuno se n’è accorto, sino al 31 dicembre 2015 il Punto Nascite di primo livello era operativo, almeno sulla carta).

La salute della donna e del nascituro deve essere tutelata in qualsiasi parte del territorio italiano specialmente in quello con particolare conformazione geografica come le isole minori (come le Eolie!), garantendo di affrontare sereni e protetti l’evento nascita.

La tutela vada nella direzione di rendere fertili i territori disagiati che inevitabilmente negli anni hanno visto ridursi le nascite in loco, a causa del depotenziamento dei servizi.

Su la testa, una reazione è dovuta: è necessario fare qualche riflessione e qualche azione in più perché stiamo parlando della nostra salute.

Lipari, 26 febbraio 2016.

Saverio Merlino

 La nota di Chiara Giorgianni :

NASCERE A LIPARI E NON SOLO !
” Vogliamo l’ospedale in sicurezza e non solo il punto nascita”. Lo leggo su un social network . Il punto e’ proprio questo !
Senza una struttura ospedaliera con servizi autonomi e’ compromessa fortemente la possibilita’ di avere un punto nascita che garantisca condizioni di sicurezza alle madri e ai loro figli. Ne siamo tutti consapevoli !!!! L’appello della comunita’ eoliana a sostegno della riapertura del punto nascita, insisto conseguenziale solo a un ripotenziamento dei servizi sanitari nel nostro territorio, non puo’ essere pero’ l’assunto del disinteresse di alcuno rispetto ai bisogni della comunita’.

Bensi’ deve poggiare, a mio parere, sulla consapevolezza di tutti che per sostenere il diritto degli Eoliani ad avere nelle isole servizi sanitari , in passato ampiamente garantiti, si debba con forza sostenere, al di la del taglio alla spesa pubblica nel nostro paese e quanto ne deriva, che un territorio come il nostro per le sue peculiarita’ non puo’ essere privato di essenziali servizi. Cio’ richiede una revisione forte di quanto gia’ fatto relativamente alla riorganizzazione dei servizi ospedalieri e sanitari sul territorio provinciale. Va dunque ricercata tutti assieme (forze sociali, movimenti e partiti) una soluzione oggettiva, conciliabile con quanto sosteniamo, senza lasciarci prendere e sviare dall’entusiasmo di azioni che per quanto positive in se contribuiscono ben poco ad una soluzione del problema.

Un serio confronto politico ed istituzionale e’ condizione essenziale, da cui non si puo’ prescindere per intraprendere ragionamenti possibili in una condizione problematica e di non facile soluzione come la nostra. E’ evidente che siamo tutti d’accordo. La strada da intraprendere e’ puntare ad una riorganizzazione orgánica della sanita’ nelle Isole Eolie. Dobbiamo capire come, per essere in grado attraverso il confronto di dare soluzioni. Io credo che partendo dal servizio di emergenza, la condizione reale in cui attualmente ci troviamo, si debba ricostruire pian piano l’offerta dei servizi …. Servizi, oggi, ridimensionati e diversamente ricollocati da una politica del rigore.