Malfa, la maggioranza perde Fiordalisi : ” il sindaco Rametta scenda dal piedistallo”

Vincenza Fiordalisi, prima eletta alle amministrative del 2017, lascia la maggioranza che sostiene il sindaco di Malfa, Clara Rametta. Riportiamo quanto letto oggi in aula.

Gentile Sindaco
Gentile Presidente del Consiglio
Gentili consiglieri

Nel 2017 quando mi è stato ripetutamente chiesto di far parte di questo gruppo, avevo molte perplessità, dopo molte insistenze da parte vostra, della mia famiglia e in particolar modo di mio figlio Mattia accettai pensando di potermi rendere utile al mio paese fidandomi della sua parola
sindaco che il vento era cambiato. MI SONO SBAGLIATA!


A marzo del 2018 quando Lei Sig.Re Sindaco ( certamente non cortesemente) ha chiesto le dimissioni dell’assessore Donato Antonino, persona corretta e perbene al di fuori degli schemi politici, ho capito che il mio contributo alla sua elezione a sindaco stava per vacillare
Successivamente a maggio del 2018 nominava assessore alla sanità il Sig.re Giuseppe Zampogna senza nemmeno discuterne con tutti noi, ovvero con la Sua maggioranza.
Arriviamo a marzo 2019 quando io convoco una riunione informale nel suo ufficio con tutti i componenti di questa maggioranza, mettevo al corrente Lei e questo consiglio delle irregolarità documentate che si erano verificate nella gestione del Poliambulatori, PRECISO , tutto questo prima che venisse dato in gestione. Il poliambulatorio faccio presente che ancora prima del
assessore Zampogna e company era stato da me promosso con altri soggetti e gli stessi siamo stati scavalcati e ignorati. Le ricordo che la salute pubblica è un bene di tutti e per tanto andrebbe sempre discussa con il territorio e i rappresentanti del popolo regolarmente eletti e non in una stanza chiusi
in quattro.

Ritornando alla convocazione informale che feci con i consiglieri di maggioranza e con Lei, questa mia presa di posizione ha provocato a me personalmente e a una parte della mia famiglia periodi difficili e dolorosi dovuti alla vostra complicità del silenzio, dei quali Lei caro sindaco era stata prontamente informata da me personalmente.
Nonostante tutto ha continuato e perseverato ad andare dritta per la sua strada senza tenere conto di quanto riferito dal suo consigliere anziano che anche con i suoi 95 voti ha contribuito alla sua elezione.

Nel 2020 si dimette l’assessore Zampogna , Lei a febbraio nomina il nuovo assessore alla sanità , il Sig.re Rando Federico. COMPLIMENTI! Come sempre senza nemmeno consultarmi/ ci non tenendo in considerazione ancora una volta la Sua maggioranza. Passa qualche mese e si dimette anche l’assessore Rando Federico ( motivi personali).

Siamo a settembre 2020 , Lei mi invia con il vigile Lorenzo Palermo la comunicazione della rinomina del Sig.re Giuseppe Zampogna come assessore alla sanità, ho rifiutato e rimandato indietro la comunicazione ritenendola un insulto alla mia intelligenza e alla mia dignità di donna,
perchè politicamente parlando a mio avviso ritengo l’assessore Zampogna persona poco trasparente e non idoneo a ricoprire questa carica.

Per l’ennesima volta non ha tenuto conto se nella Sua maggioranza che le ha permesso di sedere su quella poltrona, ( comoda o scomoda che sia) qualcuno ambisse a questa carica.
Lei CONTINUA a non rendersi conto del grande malcontento che esiste nel nostro comune con tutte le ordinanze che ha emesso , e decisioni non condivise dai suoi concittadini.

Mi auguro dato che io VADO in mezzo alla gente e DIALOGO con loro che non succeda come l’ospedale di Lipari , e uno di questi giorni si ritroverà il comune occupato. Scenda una volta per tutte dal suo piedistallo e ascolti la sua gente, non mi venga a dire che la sua porta è sempre aperta ( perchè in questi tre anni non è mai stato cosi ).

Lei è persona molto intelligente e una grande imprenditrice e in tal senso io la stimo, però si faccia un grande esame di coscienza e inizi veramente quel vento di cambiamento che era il suo cavallo di battaglia quando tre anni fa si presentò davanti a questa comunità come candidata a sindaco.

Alla luce di tutto questo che è solo una minima parte di cio’ che è accaduto in questi tre anni e che mi ha profondamente deluso e amareggiato ( operato che spesso non ho condiviso ma dove il mio dissenso è rimasto sempre inascoltato) , comunico a Lei e a questo consiglio per rispetto verso me stessa ma soprattutto per le persone che hanno riposto in me la loro fiducia facendomi essere il consigliere di maggioranza piu’ votato, che da oggi 11 settembre 2020 io non sento piu’ di far parte di questa maggioranza, ma mi rendo indipendente con l’auspicio che altri consiglieri si aggreghino
per creare un gruppo misto e far sì che diventi un gruppo di forte opposizione costruttiva e di dialogo con i nostri elettori, ai fini di rendere pubbliche le vostre iniziative che riguardano i nostri concittadini decise da pochi e fatte sempre a sorpresa senza mai tener conto dei rappresentati
regolarmente eletti da questa comunità.

Malfa li 11/09/2020

Cordialmente
Consigliere Vincenza Fiordalisi

Bozza automatica 101
Annuncio creato il 5 Marzo 2021 18:01