Lipari, tribunale e partecipate: importanti incontri a Roma

Da Michele Giacomantonio, portavoce del Sindaco di Lipari

Giornata intensa quella di ieri giovedì 12 dicembre a Roma del Sindaco Marco Giorgianni e del vice Sindaco Gaetano Orto. L’impegno sicuramente più importante è stato quello presso il Ministero di Grazia e Giustizia per il problema del Tribunale. Qui Sindaco e vice Sindaco hanno incontrato la dott.ssa Anna Maria Palma Guarnier vice capo del Dipartimento affari di giustizia e presidente del Gruppo di lavoro costituito presso il Gabinetto del Ministro di Grazia e Giustizia per verificare lo stato della riforma dei tribunali ed adottare eventualmente dei decreti correttivi. L’incontro era stato chiesto a più riprese dalla nostra Amministrazione e l’ultimo sollecito era avvenuto il 21 novembre scorso. Alla dott.ssa Palma Guarnier ed al gruppo di lavoro, Sindaco e vice Sindaco hanno relazionato sugli effetti negativi prodottosi nel territorio delle Eolie a seguito della chiusura della sezione distaccata del Tribunale. Agli amministratori Eoliani è parso che quanto da loro rappresentato non solo fosse già a conoscenza del gruppo di lavoro ma fosse anche ampiamente condiviso. Da qui l’auspicio che dai risultati dei lavori della Commissione scaturisca un risultato positivo per il nostro Arcipelago.

Oltre che al Ministero di Grazia e Giustizia la nostra delegazione si è recata al Ministero dello Sviluppo economico accompagnata dal dott. Luigi Amato liquidatore della società Eolie servizi spa e Gal Leader 2. Oggetto dell’incontro la situazione dei due patti territoriali eoliani, quello generalista e quello dell’agricoltura e della pesca e la possibilità di recupero di finanziamenti legati a questi Patti relativi alla realizzazione di opere pubbliche. Il recupero è quasi sicuro per il Patto dell’agricoltura e della pesca giacché quello delle Eolie si trova collocato al 25 posto nel progetto di rimodulazione mentre risulta molto più arduo per quello generalista che è molto più indietro nella graduatoria. A questo proposito il dott. Amato ha eccepito che la richiesta di rimodulazione per il patto generalista non risalirebbe al 2008 bensì al 2005 e quindi la situazione in graduatoria sarebbe molto più favorevole risalendo fino al 14-15 mo posto.

I funzionari del ministero si sono riservati di approfondire la questione e quindi rivedere la graduatoria. Altro nodo importante discusso è stato quello delle società che si trovano entrambe in liquidazione mentre per ottenere i finanziamenti devono rientrare “in bonis”. Al Ministero è stata prospettata l’eventualità che “in bonis” rientri solo il Gal Leader 2 che è quella che ha una situazione finanziaria meno impegnativa e a questa verrebbero riportati entrambi i Patti territoriali sia quello generalista che quello dell’agricoltura e della pesca e quindi i finanziamenti relativi alla rimodulazione. Si avvierebbe invece alla conclusione della liquidazione Sviluppo Eolie spa. Secondo i funzionari del Ministero questo potrebbe essere possibile se il partenariato del Patto generalista che è diverso da quello del patto dell’agricoltura e della pesca acconsente al passaggio al Gal Leader 2.