” La biblioteca…a spasso nel parco”, bellissima iniziativa

Comunicato

La lettura, la fiaba, il racconto…secondo Rodari costituiscono un momento prezioso non soltanto per i bambini, ma anche per i loro genitori, la lettura è un modo per parlare del mondo, per parlare delle cose, un modo per entrare nella realtà anziché dalla porta…dal tetto, dal camino, dalla finestra… Perché il linguaggio dei bambini è costituito da un insieme di immaginazione e pensiero logico, da un insieme prezioso ed assolutamente originale ed i genitori che si perdono un’occasione come quella di leggere insieme ai propri bambini perdono un qualcosa di importante prima di tutto per loro. Ecco perché come Associazione Paideia abbiamo sposato l’iniziativa dell’Assessorato alla Pubblica Istruzione e Biblioteca dal titolo “La Biblioteca…a spasso nel parco!”.

Una manifestazione che ha permesso di vivere un pomeriggio di ascolto reciproco: dei bambini nei confronti del mondo adulto, ma anche degli adulti nei confronti dell’infanzia. Uno spazio di relazione, di confronto, di crescita reciproca, di condivisione di sguardi, sorrisi, pensieri…un modo per avvicinarsi alla lettura e ai libri in maniera giocosa, spontanea e assolutamente personale. Nessuna lettura imposta, ma tante proposte, nessun obbligo ma libera scelta del bambino secondo gli insegnamenti di Maria Montessori. I bambini hanno vissuto, insieme alle loro famiglie, ai loro genitori, a qualche maestra, ai compagni, agli amici un tempo rallentato, dove finalmente tutto l’universo adulto si è fermato, mettendo da parte la frenesia della vita quotidiana per scoprire quanto…”lento è bello”! Perché attraverso la lentezza di un racconto, attraverso il fermarsi a comporre frasi e parole con la pasta al sale…è possibile finalmente cogliere le sfumature, dare importanza ai particolari, alle differenze e all’originalità di ciascuno.

Cosa può sostituire la bellezza e la ricchezza di un momento di lettura insieme ai propri genitori, distesi su un prato, al parco? La biblioteca, per un giorno è stata vissuta non come un luogo fisico e spesso lontano e noioso dall’esperienza di vita dei bambini, ma come uno spazio aperto ed estremamente vivo, vitale. Nel ringraziare tutti coloro che vi hanno partecipato, chi ha aiutato nell’organizzazione, siamo contenti di condividere alcune immagini, alcuni video, alcune istantanee con tutti voi…