I giorni della Merla…Meteo !

di Marco Miuccio

miuccio-rubrica160Nella tradizione popolare i “Giorni della Mer…la” corrispondono agli ultimi tre del mese di Gennaio… se i giorni della merla sono freddi, la primavera sarà bella; se sono caldi, la primavera arriverà in ritardo. Le credenze popolari sono da sempre spunto per la costruzione di una tradizione e di una cultura, prettamente rurale, che non si allontanava mai così tanto dalla realtà… se non altro per mero dato statistico acquisito e tramandato oralmente nel tempo.

Non sempre però la Vox Populi è sempre Vox Dei!!!

O almeno, la voce di popolo viene contaminata dall’assenza di informazioni chiare, con un inguaribile fattore derivante da “Cu cùnta mette a giùnta”!!!

Quindi ogni notizia che nasce, cresce, vive su queste isole deve avere un fondo di verità, sia che esso sia derivante da una congettura lanciata sul solito tavolino del bar, sia che essa sia diramata ad hoc per qualsivoglia scopo o auto-attribuzione di presunti meriti, ma tutto questo non può, non deve prescindere da una correttezza di informazione, di elementi caratterizzanti la notizia, senza che questi siano lesivi per l’immagine o l’epilogo di un progetto che, finchè non si concretizzerà, resterà tale.

E non importa che tu sia giornalista o gossip-blogger, che tu sia pescatore, operaio, macellaio o avvocato… I lettori hanno il diritto di leggere “il vero”, senza colori aggiunti, ricordando che le immagini in bianco e nero hanno un fascino ben più grande nel loro essere minimaliste, a fronte di pasticci di colore degni di un asilo, dal dubbio gusto e potere satirico.

Quindi, come per delle previsioni meteo, impariamo a leggere più fonti, più giornali, scegliendo coscientemente chi fa giornalismo e chi riempie pagine!

Meteo:

Decisamente in ritardo, rispetto alle statistiche annuali, il gelo di metà gennaio, per intenderci quello delle foto storiche del Gelo nordico, della Bora Triestina, del “Molo Audace” ghiacciato, del “cappello bianco” sullo Stromboli… finalmente arriverà, introducendoci in un inverno mai ancora realmente affrontato.

Almeno sette giorni di freddo intenso, piogge e venti dai quadranti settentrionali, predominanti per il nostro arcipelago, con alternanza tra Maestro e Greco, “humiditate” a rompere, freddo intenso sin dalla sera di Domenica 26/01, con aumento dei venti che spireranno ad intensità superiori ai 35 nodi, con previste punte rafficate che superano i 40, con sicure difficoltà per i collegamenti alati per formazione di onda superiore ai due metri, sperando nei collegamenti per le isole maggiori, attraverso le impavide Navi di linea, che hanno dimostrato il loro valore nei giorni scorsi.

Quindi fino a mercoledì, con particolare riferimento a venerdì, domenica e martedì sera, andamento sinusoidale dell’intensità del vento che aumenterà nella notte, lasciando quindi speranze per qualche viaggio d’emergenza!

Si consiglia di informarsi in biglietteria, ma mi raccomando, solo quando è di turno ‘mpàre Peppino!!!

Food:

“Polpette di pesce” (di Nuccia Castrogiovanni)

unnamedSu un letto di insalata, magari con qualche finocchio di stagione, che fa tanto bene all’idratazione e sgrassa, si adagiano delle gustosissime polpettine di pesce, cotte in un sughetto alla marinara. Realizzabili con qualsivoglia tipologia di pesce morbido, con possibilità attuali di scelta tra Ope (Boga), Sauri (Suri), volendo anche di Cicirello, insomma, tutto ciò che “Cianciolàbile” nel periodo, vengono preparate cuocendo il pesce e sminuzzandone la polpa con cura, eliminando qualsiasi possibilità di imbattersi in spine/lische, componendo il classico impasto con pan grattato, olio, sale, pepe nero, prezzemolo, formaggio e uova, immergendo in un sughetto di pomodoro, ricco di origano, fino ad avvenuto “quaglio” dello stesso… cioè fino a che non si restringa il tutto.

Decisamente saporite… Decisamente “Comfort Food”, se consumate calde, in questo inizio di freddo inverno.

Copritevi… Piovono minch… Ehm… scusate… Polpette!!!