Eolielive.it : si riapre a maggio ma la promozione ?

da eolielive.it

Finalmente abbiamo una certezza. Da maggio si riapre, anche se come ha detto il presidente Draghi, tutto dipende dai dati.
Fino al 15 maggio, più della metà degli hotel rimarrà chiusa. Gli imprenditori che hanno più strutture, con molte probabilità ne apriranno solo una. Certo, la differenza la farà il via libera agli spostamenti tra regioni ma non solo.


Allo stato attuale, le prenotazioni di individuali sono sempre con riserva e quelle dei gruppi sono vendute ai tour operator, con possibilità di disdetta 7 giorni prima dell’arrivo. Verosimilmente, questa altalena durerà sino alla prima settimana di giugno, confidando che si realizzi quanto annunciato dal presidente Draghi , 500 mila vaccini al giorno, e con la speranza, quindi, che entro fine aprile alle Eolie possa essere vaccinato quasi il 70% della popolazione.


Gli hotel , e in particolar modo quelli delle isole di Lipari e Stromboli, rispetto al 2019 (Marzo – Maggio), avranno una previsione di perdita di fatturato pari all’ 80-90%. In questi periodi i flussi turistici erano caratterizzati dai gruppi provenienti dall’estero e in minima parte dal territorio Nazionale. Ma le perdite, per il 60%, saranno compensate- secondo quanto si legge- dallo Stato. A ciò dato va aggiunto il centinaio di posti di lavoro in stand by degli stagionali.
E il resto delle attività ricettive? Qui il discorso è diverso, sia per le case vacanze che per B&B e agriturismo. Nella quasi totalità sono a gestione familiare. Sui principali portali di prenotazioni, l’offerta camere per il 75% è di queste attività, il 25% degli hotel.

Visto lo stato di incertezza legato alla mobilità e ai target bisogna, comunque, capire come prepararsi e su quale mercato puntare: se si rimane liberi di girare tra regioni il potenziale turista lo trovi in Sicilia, caso contrario devi mirare sia sul turista nazionale che estero. Una strada, quest’ultima, da percorrere prima di fine giugno sempre che in Europa si riesca a vaccinare almeno il 60% della popolazione.

Che fare allora considerando le varie incertezze?

In primis, capire se le compagnie di navigazione Liberty Lines e Caronte & Tourist, intendano lanciare delle offerte promozionali. Ma occorre, preliminarmente, che dalle Eolie parta il messaggio chiaro che siamo isole Covid Free con la popolazione vaccinata e che ci saranno controlli serrati nei porti. Gli imprenditori del settore, specialmente nei momenti difficili, devono fare squadra e devono darsi da fare per reclamizzare l’arcipelago facendo ciò che mai è stato fatto: Autotassarsi per una promozione senza precedenti con la speranza che i quattro comuni, contribuiscano a elevare il budget per tale finalità.

Le Eolie devono ripartire ma servono messaggi positivi e investimenti in comunicazione, oltre a rendere più accoglienti le nostre isole e puntare alla qualità dei servizi.