Eolie: reintrodotta la tassa di sbarco di 1,50 €, ora il nuovo regolamento

sbarco da motonavi per minicrociere a Vulcano
sbarco da motonavi per minicrociere a Vulcano

Lipari- E’ stata reintrodotta ormai da una ventina di giorni la tassa di sbarco di € 1,50 nelle isole del Comune di Lipari. Ed entro fine mese tornerà in Consiglio, per il via libera alle modifiche che si rendono necessarie, anche il regolamento di attuazione alla luce dei recenti chiarimenti forniti dal Ministero dell’Economia e delle Finanze, anche all’ente più rappresentativo delle Eolie. L’amministrazione comunale , infatti, dopo l’approvazione, nella legge di stabilità 2016, della nuova tassa di sbarco fino a 5 euro è stata costretta a fare dietrofront per il contestuale blocco all’aumento delle tasse per tutto l’anno corrente.

Il direttore generale delle Finanze, Fabrizia Lapecorella nel parere rilasciato ha dissipato tutti i dubbi. Non si possono aumentare le tasse “ fatte salve le eccezioni per l’aumento previste dalla legge ( Tari o enti che dichiarano il dissesto, ndr)”, richiamando anche una recente deliberazione, del 9 febbraio, della Corte dei Conti Abruzzo in ordine alla ratio della comma 26 dell’art. 1 della legge 208 del 2015 . In pratica “il blocco è applicabile a tutte le forme di variazione in aumento dei tributi a livello locale , sia che le stesse si configurino come incremento di aliquote di tributi già esistenti nel 2015, sia che consistano nell’istituzione di nuove fonti impositive”.

massaggio 1

Dunque, la vecchia tassa di sbarco, abrogata alla fine del 2015 è stata sostituita dalla nuova che prevede , si, l’aumento fino a 5 euro ma a partire dal 2017. Ed, a meno di improbabili sorprese, per tutto il 2016 i turisti continueranno a pagare € 1,50 solo per lo sbarco, quindi solo una volta nel biglietto di trasporto marittimo per arrivare nelle isole , rispetto ad esempio agli euro giornalieri che si devono versare negli alberghi di altre località turistiche.

eolian-shuttle260L’amministrazione Giorgianni chiederà al Consiglio, a questo punto, di modificare il regolamento per estendere la spesa degli introiti incamerati ( oltre a manifestazioni turistiche e ambiente anche e soprattutto alla sicurezza) che dovrebbero raggiungere a fine estate la soglia degli 800 mila euro. Ma siamo ben lontani dai 2,5 milioni di euro preventivati con l’aumento della tassa fino a 5 euro. Fondi con i quali si sarebbe potuto fronteggiare la situazione emergenziale di liquidità provocata dalla drastica diminuzione dei trasferimenti statali e soprattutto regionali che sta soffocando praticamente tutti i comuni per non parlare delle difficoltà nella riscossione nonostante l’accertato .

Va ricordato, inoltre, che il Comune ha sforato il patto di stabilità per oltre due milioni di euro e che sono stati ridotti del 30% le indennità degli amministratori , del presidente e del vicepresidente del Consiglio comunale.