Ecco le richieste dei sindaci delle isole minori a Regione e Stato

Al Presidente del Consiglio dei Ministri della Repubblica Italiana

presidente@pec.governo.it

Al Ministro dell’Economia e delle Finanze

mef@pec.mef.gov.it

Al Ministro per gli Affari Regionali e le Autonomie

affariregionali@pec.governo.it

Al Presidente Regione Siciliana

presidente@certmail.regione.sicilia.it

All’Assessore all’Economia Regione Siciliana

assessorato.economia@certmail.regione.sicilia.it

All’Assessore Regionale delle Autonomie Locali

E della Funzione Pubblica Regione Siciliana

assessorato.autonomie.locali.fp@certmail.regione.sicilia.it

All’ANCIM – Associazione Nazionale Comuni Isole Minori

segreteriaancim@gmail.com

Oggetto: Richieste dei Comuni delle Isole Minori Siciliane per interventi normativi e finanziari ai fini dell’approvazione dei bilanci di previsione e del superamento della crisi finanziaria dei Comuni conseguente alle misure di contenimento della diffusione del virus Covid-19

Il presente documento si redige in forma congiunta con i Sindaci dei Comuni delle Isole Minori Siciliane che di seguito sottoscrivono, ai fini di rappresentare le prime e più incombenti richieste per la sopravvivenza dei suddetti Comuni, e più specificatamente ai fini dell’approvazione dei relativi bilanci di previsione; si anticipa, infatti, che seguiranno ulteriori richieste, mosse dalle medesime premesse e che riguarderanno aspetti altrettanto critici che necessitano di adeguato intervento per il superamento della grave crisi economica e finanziaria conseguente all’emergenza sanitaria da Coronavirus.

Brevemente si fa cenno alla condizione inerente le Isole Minori Siciliane in ordine alla diffusione dell’epidemia da Covid-19 che ha visto all’interno dei suddetti territori un limitatissimo e circoscritto numero di casi di coronavirus rilevati solo in alcune delle isole minori siciliane, rappresentando la maggior parte di esse, ad oggi, una area a contagio zero, comprovata da un congruo numero di tamponi effettuati, certamente favoriti dalla condizione insulare e dalle iniziative specifiche adottate dalla Regione Siciliana, quali l’istituzione del Presidio Sanitario per il controllo dei passeggeri presso il porto di Milazzo, come in quello di Trapani relativamente all’accesso alle Isole Tremiti, così pure il provvedimento assunto con nota prot. 14005 del 16 aprile 2020 dall’Assessorato alla Salute per l’effettuazione di test sierologici rapidi qualitativi per tutto il personale che deve recarsi nelle Isole Minori per motivi di lavoro ai sensi dell’art.2, co. 12, del DPCM del 10 aprile 2020, e ancora dall’adozione di alcune ordinanze sindacali.

Le richieste presentate, indirizzate consapevolmente al Governo Nazionale e alla Regione Siciliana perché si comprenda la volontà e la necessità di un quadro di intervento complessivo per le realtà qui rappresentate, si sviluppano su tre assi tematici rispetto alle principali preoccupazioni condivise dai Sindaci delle Isole Minori Siciliane che riguardano lo stato dei bilanci degli Enti Locali e la capacità conseguente di assicurare e prestare adeguatamente i servizi essenziali, la capacità di rilancio della propria economia e della occupazione, in particolare per quanto relativo al comparto turistico-ricettivo, fonte economica primaria delle Isole, e in ultimo, l’asse che riguarda più propriamente gli aspetti legati all’epidemia quali capacità del proprio sistema di assistenza sanitaria e capacità degli Amministratori Locali di assumere provvedimenti: come già premesso, oggetto della presente saranno le istanze inerenti la tematica dei Bilanci comunali, rinviando a prossime note la trattazione di tutti gli altri aspetti sopracitati.

Interventi richiesti alla Regione Siciliana per l’approvazione bilanci Enti Locali Isole Minori Siciliane:

1. Riequilibrio trasferimenti fondi spesa corrente per i Comuni delle Isole Minori con popolazione superiore ai 5.000 abitanti.

Al comma 15 dell’art. 7 della L. R. n. 3/2016 e ss.mm.ii. dopo le parole “ai Comuni con popolazione inferiore a 5.000 abitanti, secondo le disposizioni di cui all’art 156, comma 2, del decreto legislativo 18 agosto 2000, n 267” sono inserite le parole “e ai Comuni delle isole minori,”

2. Ripartizione del Fondo perequativo degli Enti locali.

Nella ripartizione del Fondo perequativo istituito dalla Regione Siciliana per compensare le minori entrate conseguenti alle misure di contenimento e gestione dell’emergenza Covid-2019 che sia considerata e valutata, tra le minori entrate da compensare, la tassa di Sbarco e/o Soggiorno, secondo quanto rilevato dagli ultimi bilanci dei Comuni delle Isole Minori, per i quali essa costituisce una voce di entrata, seppur vincolata nella spesa, indispensabile alla prestazione dei servizi essenziali (Ambiente, Polizia Locale, Mobilità e Turismo).

3. Liquidità dei Comuni.

Assicurare che i trasferimenti del Fondo perequativo siano effettivamente disponibili nei tempi di approvazione previsti dalla norma per l’approvazione dei bilanci; diversamente è indispensabile per la liquidità degli Enti Locali prevedere percorsi agevolati alle necessarie anticipazioni di cassa utili alla copertura dei pagamenti per le prestazioni dei servizi essenziali. L’utilizzo dell’anticipazione di liquidità della tesoreria è da escludersi dalle tabelle per l’applicazione dell’articolo 242.

Interventi richiesti al Governo Nazionale per l’approvazione bilanci Enti Locali Isole Minori:

1. Sospensione annualità 2020 e 2021 FCDE e FRC.

Al fine di fronteggiare la contrazione delle entrate che non consentiranno ai Comuni delle Isole Minori di ottenere la quadratura dei relativi bilanci e il mantenimento degli equilibri stessi, per le annualità 2020 e 2021, i medesimi Enti hanno facoltà di non appostare nei propri bilanci di previsione il FCDE (Fondo Crediti di Dubbia Esigibilità) e il FRC (Fondo Rischi Contenzioso) contemplati dall’allegato 4/2 al D.Lgs 118/2011.

2. Riequilibrio della erogazione dei trasferimenti conseguenti alla determinazione del Fondo di Solidarietà.

1° Comma. Per le annualità 2020 e 2021, l’imposta IMU, riscossa nei Comuni delle Isole Minori, resta nella disponibilità di suddetti Comuni per far fronte alle mancate entrate a causa delle misure anti Covid-19 e per equilibrare il divario negativo tra il versato e l’erogato a titolo di fondo di solidarietà.

2° Comma. Il SOSE è impegnato a rivedere, per i Comuni delle Isole Minori di cui al precedente comma, i fattori soggetti a pesatura per l’erogazione del fondo di solidarietà tenendo conto anche della consistente popolazione stanziale, seppur non residente.

3. Mutui decennali per mancanti incassi IMU e Tributi locali

Si richiede la possibilità di ottenere, tramite la Cassa Depositi e Prestiti, mutui per sopperire ai mancati incassi relativi a IMU e ad altri tributi locali, compreso il canone idrico, da restituire in dieci anni.

Certi dell’attenzione che vorrete accordare alle presenti richieste,

Distinti saluti

F.to

Sindaco Comune di Lipari

Marco Giorgianni

Sindaco Comune di Favignana

Giuseppe Pagoto

Sindaco Comune di Lampedusa e Linosa

Salvatore Martello

Sindaco Comune di Malfa

Clara Rametta

Sindaco Comune di Pantelleria

Vincenzo Vittorio Campo

Sindaco Comune di S. Marina Salina

Domenico Arabia

Sindaco Comune di Ustica

Salvatore Militello