Dalle cave di pomice ad Acquacalda: progetto di recupero e sviluppo

In commissione urbanistica la proposta dell’ing. Alessandro la Cava

pomice12Lipari- Un museo della pomice ma anche un grande acquario marino sulla scorta del laboratorio di biologia marina che negli anni ’90 intendeva realizzare la giunta Giacomantonio. E’ quanto prevede un progetto di massima realizzato dall’ing. Alessandro La Cava, esperto del sindaco Marco Giorgianni alla programmazione e alla pianificazione territoriale per il recupero e lo sviluppo dell’estesa area costiera che va dalle cave di pomice all’inizio della frazione di Acquacalda.

Il progetto sarà presentato alla commissione urbanistica, convocata dal presidente Luciano Profilio per venerdì alle 9,00. Dallo stato di degrado e dai pericoli esistenti, specie dopo la fine dell’attività estrattiva e la chiusura della Pumex, alla realizzazione di un progetto, da concertare con le forze politiche, per il rilancio imprenditoriale, turistico e occupazionale di un’isola che deve tornare a guardare a quella porzione di territorio non con rimpianto, come avviene attualmente, ma come risorsa dalla quale ripartire per perseguire l’agognata rinascita economica attraverso un nuovo appeal turistico.

Tra le ipotesi anche una aviosuperficie a Punta Castagna nella quale si prevede la realizzazione di un Parco urbano. La politica inizierà a confrontarsi seriamente su questo progetto ? Di certo c’è che in silenzio va avanti la questione Parco nazionale, almeno, apparentemente, in contrapposizione al progetto che presenterà La Cava.