Consiglio : approvati tre ordini del giorno

Per il sindaco Giorgianni la ZFU in futuro, ora la fiscalità di sviluppo per aiuti subito

Tre ordini del giorno ( il primo presentato dal gruppo Moderati per Calderone, gli altri due predisposti nel corso del Consiglio anche trasversalmente) che si integrano e che impegnano l’Amministrazione comunale ad istituire un tavolo tecnico con le associazioni ( intervenuti in aula Susanna Guarnuto per AssoImpreseEolie e Danilo Conti per Comitato 20-30).

Ed ancora, a chiedere il ripristino dei collegamenti marittimi, agevolando i residenti; a regolare il trasferimento dei passeggeri in movimento da e per le Eolie; a sollecitare l’approvazione della legge speciale sulle Isole minori e ad attivare tutte le procedure necessarie per l’istituzione di una Zona Franca Urbana e più in generale ad aiutare famiglie e imprese, va specificato, delle isole minori dal momento che nel Decreto Rilancio c’è poco per chi vive l’insularità .

Sono stati approvati nel Consiglio comunale di oggi , a trazione della minoranza, dopo sei ore e mezza di lavori. E’ intervenuto anche il Sindaco, reduce come gli altri primi cittadini dell’arcipelago, dall’incontro interlocutorio di Palermo con il presidente Musumeci. Non sono mancate le frecciate nei confronti di Giorgianni che comunque ha replicato chiarendo che tutto quello che chiede il Consiglio è stato avanzato a Regione e Stato e si proseguirà in questo senso.

In sostanza, diverse richieste sono state accolte soprattutto per quanto riguarda i trasferimenti e la compensazione per i mancati introiti della tassa di sbarco che , però, sarà formalizzata nel prossimo provvedimento, ma c’è ancora da lavorare a cominciare dalla riorganizzazione degli approdi e dal ripristino dei collegamenti marittimi con il recupero delle corse non effettuate dal momento che i mezzi viaggeranno con un carico pari al 50% della capacità .

E per quanto riguarda la ZFU ? ” Per l’immediato- ha detto Giorgianni- puntiamo sulla fiscalità di sviluppo per un aiuto economico vero e subito non solo all’imprenditore ma collegato ad un fatto occupazionale come conseguenza. Ventiquattro mesi di sgravi fiscali . E’ l’operazione più importante. Non ho nulla in contrario sulla ZFU , noi l’abbiamo comunque perorata ma – ha concluso- per un secondo momento”.