Centro Giovanile, Sidoti: Vescovo e addetti trovino soluzione nuovi locali

Riceviamo da Angelo Sidoti e pubblichiamo

Caro Direttore,

angelosidotiho letto stamani il commento di Michele Giacomantonio sul tema “Centro Giovanile” e mi unisco al suo pensiero oltre che condividerlo pienamente.

Molti sanno che io sono fratello di Gianna Sidoti e nipote di Padre Sardella ma questo rapporto di parentela non condiziona minimamente la mia seguente riflessione.

In questo breve articolo parlo da genitore di un ragazzo che è cresciuto all’interno del Centro Giovanile da quando aveva appena 8 di anni e oggi ne ha 16 anni.

Il Centro Giovanile esiste forse anche da più di 20 anni. Sono cresciute all’interno di questa struttura intere generazioni di giovani eoliani e le iniziative promosse dallo stesso Centro sono state tantissime ed ispirate da un puro sentimento cattolico, religioso e sociale.

Pur ritenendo giusto e legittimo il diritto alla ristrutturazione di questi locali mi domando: ma la Curia per quale finalità, uso o destinazione intende utilizzarli ?

Spostare il Centro Giovanile dalla attuale location ne potrebbe causare la sua totale chiusura. La sua vicinanza al Corso Vittorio Emanuele (luogo di ritrovo abituale per tutto l’anno dei ragazzi) è strategica in quanto i giovani trovano naturale incontrarsi all’interno della struttura prima o dopo le loro passeggiate.

Chi rappresenta la Curia nell’Arcipelago vuole assumersi questa responsabilità ?

Trovo poco adatti i luoghi che circolano come alternative all’attuale ubicazione del Centro ovvero fabbricato utilizzato dalla Banda Musicale (le attività non possono convivere) o il Palazzo Vescovile (luogo adatto per delle mostre o piccoli seminari).

Pertanto, mi auguro che la Curia nella persona di Sua Eccellenza l’Arcivescovo Calogero La Piana, senza passare attraverso alcun portavoce, con tutto il rispetto per quest’ultimi, incontri personalmente le due persone che hanno gestito per conto della Chiesa questi locali ovvero Mons. Gaetano Sardella, che ha dedicato ai giovani tutto il suo sacerdozio, e Gianna Sidoti che ne è stata l’animatrice per 20anni e forse più.

Far continuare questo chiacchiericcio non serve proprio a nulla. Se esistono delle alternative che si ricerchino di comune accordo senza che però si usi a sproposito il dovere di “obbedienza” oppure l’uso di mandanti.

Un caro saluto a tutti voi

Angelo Sidoti