Biviano a Del Bono : “nessuna pressione sul Consiglio, proposte Federalberghi tenute in considerazione”

Nota del presidente del consiglio comunale di Lipari, Giacomo Biviano, al presidente di Federalberghi Isole minori, Christian Del Bono e per conoscenza ai consiglieri comunali, al Sindaco e all’assessore al Turismo

Oggetto: Riscontro nota del 24/05/2020 con all’oggetto “le nostre richieste: errore di merito o non accoglibili nel merito” .

Il presidente del Consiglio comunale Giacomo Biviano

Mi scuso per il ritardo con cui sto riscontrando la sua nota ma problemi personali e familiari mi hanno impedito di farlo prima.

Ho letto con rammarico il contenuto della sua nota trasmessa tramite Pec il 24/05/2020. E non perché Lei giunge a delle conclusioni a suo dire “scontate”, perchè in realtà non lo sono e mancano di alcuni passaggi fondamentali che Lei non poteva probabilmente conoscere, ma per i toni eccessivi, a tratti fuori luogo, assunti nella stessa.

Ritengo, oltretutto, offensivo – e pertanto lo respingo con decisione – l’aver solo pensato, anche se si tratta di semplice “sensazione”, che “….almeno in certi ambiti (ed è chiaro il riferimento al Consiglio Comunale) le urla, le pressioni fuori luogo dell’ultimo momento (?????), i comunicati e i like su Facebook abbiano il sopravvento sulla documentazione formalmente prodotta, sull’analisi puntuale dei contenuto condotta nelle opportune sedi e sulle modalità di concertazione e di confronto previsti dal nostro ordinamento”. 

Lei scrive di pressioni fuori luogo dell’ultimo momento, non specificando però da parte di chi e perché. La invito ad essere più chiaro e se il caso a denunciare tutto alle autorità competenti. Anche se si tratta di semplici sospetti o come Lei scrive di “sensazioni”. Caso contrario, la prossima volta, ponderi meglio le parole e non ipotizzi avvenimenti o fatti da sempre estranei a questo Consiglio Comunale, perché ne vale della dignità di ogni singolo consigliere comunale. Mi creda, questo Consiglio può anche commettere degli errori, anche forse nel metodo, ma certamente non delibera in base alle pressioni “fuori luogo” o a quant’altro da Lei ipotizzato.

Mi sembrava, inoltre, di averle mostrato la massima disponibilità, sia prima che durante il Consiglio Comunale del 20 aprile 2020, e di conseguenza, visti anche i rapporti cordiali finora intrattenuti con il sottoscritto, mi sarei aspettato, preventivamente, almeno una telefonata interlocutoria. Invece, “nel dubbio” (????) ha preferito seguire altre strade “nella speranza”, come Lei scrive, “che la nota possa giungere a tanti, anche a quei consiglieri che……. sono stati scelti per rappresentare l’intera comunità”.

La voglio però rassicurare. Le proposte dell’Associazione che rappresenta, così come quelle di tutti gli altri portatori d’interesse, sono state inoltrate non solo ai Consiglieri Comunali, ma anche agli Assessori e allo stesso Sindaco.

Detto ciò, come Lei ha riportato, a seguito delle decisioni assunte dalla Conferenza dei Capigruppo del 27 aprile 2020, veniva pubblicato l’Avviso attraverso il quale si invitavano singoli cittadini e chiunque fosse portatore d’interesse a “trasmettere eventuali proposte entro il 30 dello stesso mese al fine di redigere una proposta di indirizzo politico da sottoporre all’approvazione del prossimo consiglio comunale”. Anche perchè, nel frattempo, erano giunti spontaneamente altri documenti al Consiglio e alla Conferenza sembrava giusto dare la possibilità a tutti di poter avanzare delle proposte o fare delle osservazioni, per lo meno pubblicizzare il tutto, in modo da non escludere nessuno, anche chi non era stato finora coinvolto.

Il giorno prima della scadenza dell’Avviso, invece, l’Amministrazione ha convocato per il 29 aprile un incontro con le varie associazioni e comitati nell’aula consiliare. Incontro al quale non sono stati invitati i Consiglieri Comunali.

Il giorno dopo il Sindaco ha inviato invece a tutti i Consiglieri Comunali un documento/bozza sottoscritto insieme ad una parte dei Sindaci delle isole minori siciliane. Nello stesso documento emergevano, e per quanto mi riguarda con piacere, diverse proposte riconducibili all’Associazione da Lei rappresentata.

La Conferenza dei Capigruppo si è riunita successivamente in data 2 maggio 2020 per esaminare tutte le proposte pervenute. Durante i lavori della stessa è emersa la necessità, anche alla luce del documento/bozza sottoscritto insieme ad una parte dei sindaci delle isole minori siciliane, di redigere un documento unitario e condiviso con l’Amministrazione Comunale da far approvare al Consiglio Comunale entro la settimana successiva al fine di costituire lo stesso un caposaldo di tutte le forze politiche ed evitare percorsi paralleli ed eventuali richieste discostanti ai tavoli nazionali.

Nel momento in cui è stato interpellato il Sindaco, lo stesso ha però posto il problema di dover trasmettere il documento, redatto insieme ad una parte dei sindaci delle altre isole minori della Sicilia, entro lunedì 4 maggio o al massimo la mattina del giorno dopo, in quanto aveva avuto notizia che il decreto cosiddetto “rilancio” sarebbe stato votato dal Consiglio dei Ministri nei primi giorni della settimana. Lo stesso evidenziava, inoltre, che essendo un documento sottoscritto insieme ad una parte dei sindaci delle isole minori siciliane, avrebbe dovuto confrontarlo anche con loro e pertanto, visti i tempi ristretti, si rendeva ancora più complicato il passaggio in Consiglio Comunale nel breve periodo. Invitava invece i singoli Consiglieri Comunali, vista l’urgenza, a voler contribuire con eventuali suggerimenti, da far pervenire da lì a poco, che lo stesso avrebbe valutato. Cosa che alcuni hanno fatto. Io stesso mi sono assicurato che tutti i documenti pervenuti al Consiglio dalle varie associazioni, comitati e singoli cittadini fossero stati inoltrati all’Amministrazione Comunale al fine di tenerne in debita considerazione.

Ho appreso solo dopo che il documento era stato inviato Venerdì 8 maggio, e non prima, come prospettatoci. Evidentemente, ci saranno state delle valide ragioni. Più che un problema di metodo, ritengo che ci sia stato buon senso da parte di tutte le forze politiche. Diversamente, il rischio sarebbe stato quello di seguire la nostra strada e approvare un documento prima dell’approvazione del Decreto Rilancio con delle richieste che potevano essere anche divergenti da quelle inviate dai Sindaci delle isole Minori siciliane sottoscrittori dello stesso, già di per sé non condiviso con la maggior parte dei Sindaci di Salina. Una situazione che sicuramente non avrebbe giovato alla causa comune. Inoltre, l’unità del Consiglio Comunale nei propri deliberati, ed era questo l’intento e lo scopo per le quali si sono susseguite più convocazioni della conferenza dei Capigruppo, non è sempre facile da raggiungere ed ha bisogno, spesso, di tempi più lunghi a causa delle diverse forze politiche che lo compongono, a differenza di altri organi monocratici o espressione di questi che riescono ad avere una maggiore celerità ed immediatezza. Non escludo, comunque, la possibilità che sia stata sottovaluta la questione dei tempi, dettata anche dall’incertezza dell’effettiva emanazione del decreto rilancio, per il quale lo stesso Sindaco ne aveva prospettato una data anticipata.

Dopo l’emanazione del “Decreto Rilancio” la Conferenza dei Capigruppo, allargata ai Presidenti di Commissione, vista anche l’assenza di una consistente parte politica riconducibile alla maggioranza, ha deciso di rinviare la discussione direttamente in Consiglio Comunale alla luce dei recenti atti governativi e/o normativi. In data 22 maggio è stato convocato il Consiglio Comunale con al primo punto il predetto argomento.

Durante la discussione alcuni Consiglieri Comunali hanno presentato alla Presidenza alcuni ordini del giorno da mettere in votazione e che impegnavano l’Amministrazione Comunale.

Tengo a precisare che le azioni e le decisioni politiche assunte dall’Organo nella sua collegialità non vengono indirizzate dal suo Presidente in quanto allo stesso vengono attribuiti dalla legge i poteri di convocazione, direzione e coordinamento dei lavori e delle attività del Consiglio e della Conferenza dei Capigruppo, nonché di rappresentanza istituzionale, ma non quelli di Capo politico.

Anche la pubblicazione del predetto Avviso è nata da una decisione unanime della Conferenza dei Capigruppo e non da una decisione autonoma del suo Presidente.

Ricoprendo contemporaneamente, comunque, il ruolo di Consigliere Comunale e avendo votato anch’io gli odg proposti mi appresto a fare appresso alcune osservazioni di carattere esclusivamente personale. Innanzitutto, mi sento di escludere categoricamente che le proposte dì Federalberghi non siano state ritenute valide o degne di attenzione. Credo, invece, che molte di esse, essendo particolarmente attuali prima dell’approvazione del Decreto Rilancio, tanto d’aver apportato un contributo significativo al documento sottoscritto da una parte dei Sindaci delle Isole Minori Siciliane, dopo lo erano forse un po’ meno. Altre invece convergevano con una parte dei punti approvati. Mi riferisco ad esempio all’intensificazione del numero delle corse a mezzo aliscafo e nave, in considerazione del ridotto numero di posti occupabili nel rispetto delle misure di contenimento, alla previsione di ulteriori misure per regolare in modo opportuno il trasferimento dei passeggeri impedendo assembramenti presso le agenzie marittime e i terminal, alla riduzione del costo del biglietto per tutti, e quindi anche per i non residenti, ad una massiccia campagna promozionale a livello nazionale, alla sollecitazione di maggiori aiuti economici a fondo perduto.

Inoltre, anche se Lei non ne ha fatto cenno, in uno degli Ordini del Giorno approvati si impegnava l’Amministrazione Comunale “di tenere nella dovuta considerazione tutte le richieste pervenute dai rappresentanti delle associazioni di imprenditori del territorio, e di farsi parte attiva nell’interlocuzione con le Istituzioni nazionale e regionali al fine di rappresentare la drammatica crisi sociale ed economica dei territori insulari a seguito dell’emergenza sanitaria”.

Aggiungendo, vista l’attualità del momento e le norme ormai approvate, “ di essere di supporto alle imprese locali individuando tutte le misure, incluse nel Decreto Rilancio e nella Finanziari regionale, a sostegno dei diversi settori e delle categorie maggiormente colpite dalla crisi economica”.

Mi dispiace, invece, che Lei screditi, o quanto meno sminuisca, alcune proposte avanzate da altre Associazioni e Comitati. Mi riferisco al protocollo sanitario proposto da Assoimeprese Eolie, che a Lei “appare più una coperta di Linus che un valido metodo” e che invece a me personalmente appare in questo momento l’unico realizzabile, viste anche le recenti notizie nazionali di non condivisione del Governo con il cosiddetto passaporto sanitario. Anche i cosiddetti test sierologici, per quanto precari nell’individuazione del contagio, dovrebbero essere effettuati qualche giorno prima e pertanto non potrebbero escludere l’avvenuto contagio nei giorni avvenire prima dell’arrivo nel territorio eoliano. Oltretutto, escluderebbero, o quanto meno penalizzerebbero in maniera significativa, la gran parte dei visitatori giornalieri, che anche se non favoriscono il turismo ricettivo, rappresentano pur sempre, se gestiti nella giusta maniera, una fetta di economia importante per altre attività. L’attuale incertezza, inoltre, su eventuali protocolli sanitari più rigidi, rischia di scoraggiare anche quel minimo flusso turistico e indirizzarlo, di fatto, in altre mete. Pertanto, oltre ad un semplice ed immediato controllo della febbre e alla presentazione di un autocerficazione sull’assenza dei sintomi nelle ultime 72 ore, non credo si possa attualmente fare meglio.

Allo stesso tempo mi fa piacere, invece, che Lei accoglie con favore l’istituzione del tavolo tecnico, che se pur auspicato dall’Amministrazione, difatti non è mai partito. Credo che in questo momento sia fondamentale coinvolgere permanentemente tutti, Consiglio, Sindaco, Associazione e Comitati, in un unico tavolo tecnico nato da un preciso indirizzo dell’organo più rappresentativo, al fine di attuare insieme e in maniera condivisa tutte le azioni che si ritenga utili portare avanti. Lo stesso tavolo potrà anche avere il compito di esaminare e rivalutare tutte quelle proposte presentate e finora non sostenute, o non sostenute adeguatamente, dalle istituzioni.

Anche la proposta della cosiddetta Zona Franca Urbana, proposta dal Comitato 20 30, per il quale il Consiglio ne ha sollecitato l’istituzione indicando una prima quantificazione degli sgravi da portare avanti, e recepita come possibilità anche da Federalberghi isole minori in un proprio documento trasmesso all’ANCIM nazionale il 9 maggio, nonché riportata brevemente nello stesso documento sottoscritto da una parte dei Sindaci delle isole minori siciliane, dovrà essere esaminata e meglio strutturata, e se il caso rivalutata, proprio dal tavolo tecnico che si andrà a costituire, al fine di poterla promuovere come possibile vero strumento di rilancio per il nostro territorio.

Sulle altre proposte per il quale viene impegnata l’Amministrazione, al quale va riconosciuta l’ottima capacità nel gestire la fase emergenziale e al quale va a mio parere, anche per questo, giustificato qualsiasi ritardo nella gestione del territorio, non mi pare ci sia molto da discutere se non augurarsi, visto l’auspicabile inizio della stagione estiva, di una quanto prima piena e completa realizzazione: assegnazione di maggiore suolo pubblico con procedure e istruttorie semplici (vitale per molte nostre aziende penalizzate dalle misure imposte sul distanziamento sociale), preparazione del territorio per l’inizio della stagione turistica (pulizia spiagge, pulizia sentieri, arredo urbano, etc), nonchè la predisposizione di un servizio di vigilanza con assistente bagnanti per le spiagge libere (particolarmente importante in questa fase in considerazione delle attuali misure di distanziamento).

Rimanendo sempre a disposizione per qualsiasi cosa, porgo i miei più cordiali saluti.

Il Presidente del Consiglio Comunale

Giacomo Biviano

Bozza automatica 101
Annuncio creato il 5 Marzo 2021 18:01