Acqua, Art.1 : miglioramento reti idriche era solo spot ?

Art.1 -Autonomia e libertà

Associazione politica e culturale

il presidente Alessandro La Cava
il presidente Alessandro La Cava

Nel lontano dicembre del 2013 è stato raggiunto un accordo tra l’amministrazione e l’allora commissario Pelaggi per rendere più efficiente la rete idrica di Lipari.

A quell’incontro hanno partecipato, per l’Amministrazione comunale, il Sindaco Marco Giorgianni, il vice Sindaco Gaetano Orto responsabile del servizio idrico, i tecnici comunali addetti al servizio idrico geom. Placido Sulfaro e ing. Vittorina Blasa, per la struttura commissariale il commissario delegato avv. Luigi Pelaggi, dott. Domenico Russo, ing. Riccardo Costanza, Renzo Giunta, Massimo Guerrera, Paolo Agrestini e Ennio Antonetti, per l’impresa SLED C.G. SpA esecutrice dei lavori Sebastiano Piccione De Luca e l’ing. Mario Allegretti.

Si era stabilito di procedere celermente alla realizzazione dei seguenti interventi:

1. Condotta di collegamento dal serbatoio di Pignataro a Porto Pignataro e realizzazione delle bitte di attracco;

2. Connessione serbatoio Nuovo al serbatoio di Capistello con attivazione del sistema di pompaggio per alimentazione del serbatoio nuovo;

3. Adeguamento della linea serbatoio Sparanello- serbatoio Acquacalda;

4. Messa in sicurezza del serbatoio di Monte S. Angelo;

5. Alimentazione di Lipari centro dal serbatoio Monte;

6. Nuova linea di distribuzione di località Fossa Monte dal serbatoio Monte;

7. Alimentazione del serbatoio Pirrera dal serbatoio Collo;

8. Parziale sostituzione della linea di distribuzione di località Santa Margherita;

9. Installazione pompa per alimentazione del serbatoio di Monte S. Angelo dal serbatoio di Varisana;

10. Parziale sostituzione della condotta Pignataro – Annunziata;

11. Nuovo tratto condotta da serbatoio Capistello a località San Salvatore con installazione di elettropompa nel suddetto serbatoio.

Era uno spot pubblicitario?

Leggere di un assessore che insieme ai vigili gira casa per casa per verificare se arriva l’acqua, nel 2015 ed in una località turistica come Lipari ci sembra assolutamente ridicolo.

Avremmo preferito che lo stesso controllo lo avesse fatto per verificare lo stato dei pagamenti di tutte le utenze attive, relazionando in consiglio comunale anche su questo argomento.

Basterebbe pensare di portare avanti un progetto di telecontrollo che consenta il monitoraggio di tutta la rete idrica avendo cosi la certezza di conoscere se i mc di acqua in uscita coincidono con quelli effettivamente erogati alle utenze con la opportunità di verificare piccole perdite distribuite lungo la rete ed eventuali allacci abusivi che nel computo totale non fanno mai quadrare i conti.

Il Segretario Cittadino

Alessandra Falanga

Il Presidente

Alessandro La Cava