Acqua, Art. 1: “Amministrazione faccia eseguire controlli secondo disposizioni legislative”

Comunicato Art. 1

Abbiamo assistito alla farsa di un Consiglio comunale che improvvisamente, dopo 8 mesi, decide di mettere all’ordine del giorno il problema dell’acqua gialla. Non entriamo nel merito delle assenze dei consiglieri di maggioranza perché sappiamo che sono politicamente teleguidati e questo problema non li rende sensibili al ruolo di controllore per il quale hanno avuto mandato dai loro elettori a rappresentarli.

Non vogliamo neanche entrare nella diatriba interna all’opposizione su chi ha avuto le analisi ed ha giocato a nascondino e chi invece le analisi non le ha neanche lette ed oggi cerca di fare il professore.

Il problema c’è e si vede.

Purtroppo però il problema non è soltanto questo perché alla fine del consiglio, ma noi ce ne siamo resi conto già venerdì, si è potuto riscontrare una totale carenza di informazioni di base da parte dell’assessore e, ancora peggio,da parte dei dirigenti.

Qualcuno ha mai pensato solo per un istante di leggersi il DL n.31 del 2001?

Il cons. Lo Cascio, grande intenditore, sostiene di avere reso partecipe l’amministrazione che si è subito adoperata.

Adoperata a fare cosa?

Dalle analisi in nostro possesso,date direttamente dall’assessore,abbiamo riscontrato che hanno solo effettuato controlli di routine peraltro non conformi a quanto previsto dell’art.5 comma 1 lettera A che testualmente recita “i valori di parametro devono essere rispettati per le acque fornite attraverso una rete di distribuzione, nel punto in cui queste fuoriescono dai rubinetti utilizzati per il consumo umano”.

Detto questo noi continuiamo a dire che non ci interessa la visibilità e non vogliamo in nessun modo creare allarmismi ma auspichiamo nell’interesse della comunità Eoliana l’immediata risoluzione della problematica invitando l’amministrazione ad adoperarsi affinché i controlli vengano effettuati secondo le disposizioni legislative tenendo conto della attuale situazione per la quale andrebbero verificati anche altri parametri e non solo quelli evidenziati nei certificati già rilasciati.

Art.1