A S.Pietro la Quaresima inizia con una grande partecipazione di popolo

Ceneri 3

di Michele Giacomantonio

Era visibilmnente soddisfatto e commosso il Parroco don Gaetano Sardella durante l’Omelia di mercoledì delle ceneri a S. Pietro. Tanta gente anche in piedi in fondo alla chiesa e nella cappella del Crocifisso, gente che seguito con partecipazione la Messa ed il rito dell’imposizione delle ceneri.Importante il contributo delle confraternite maschili e femminili dell’Addolorata che hanno risposto con entusiamo all’invito di don Gaetano. Puntuale, attenta e coinvolta la partecipazione dei ragazzi del Centro giovanile che hanno animato la celebrazione con i canti, le letture, il serizio all’Offertorio.

Erano tanti e lo si è visto al momento dell’imposizione delle ceneri quando il Parroco ha voluto iniziare da loro il rito. E certo erano loro uno dei motivi di grande soddisfazione di don Gaetano che nell’Omelia aveva parlato dell’importanta che i ragazzi partecipino alle funzioni perchè sono essi la Chiesa di domani ed il fatto che siano numerosi fa ben sperare per il futuro della fede nelle Eolie. Nell’omelia don Gaetano ha annunziato anche che la tradizionale Via Crucis che si terrà il venerdì sera, a cominciare dal 19 febbraio e fino a a tutta la Quaresima, sarà quest’anno dedicata in particolare a Madre Florenzia Profilio che a questa devozione era particolarmente legats, e sarà guidata seguendo un libretto che verrà donato ai partecipanti e che è stato scritto e pubblicato proprio per questa occasione: una Via Crucis, come dice il titolo del libretto, per pregare e per meditare ma anche , come ha aggiunto il Parroco, per sostenerci nella vita di tutti i giorni con l’esempio di Gesù che sul Golgota ha sconfitto la morte ed il peccato per aprire a noi tutti il suo Regno.