Spese pazze all’Ars, 13 avvisi si garanzia

arsPalermo, 14 gen. (TMNews) – Sono almeno un centinaio gli indagati nell’ambito del nuovo ciclone giudiziario abbattutosi oggi sull’Assemblea regionale siciliana. Sotto la lente della magistratura, con l’accusa di peculato, ci sarebbero 13 ex capigruppo della passata legislatura, oltre ad altri deputati, alcuni ancora in carica, e amministratori.

Tra gli indagati c’è anche Antonello Cracolici, del Pd, che ha reso nota la vicenda intervenendo in Aula nel corso della discussione sulla Finanziaria regionale che nelle prossime ore dovrebbe essere approvata.

L’indagine, scattata due anni fa, ha visto i finanzieri del gruppo tutela spesa pubblica “far visita” un paio di volte a Palazzo dei Normanni, con delle perquisizioni che hanno riguardato i locali dei gruppi parlamentari.

I magistrati vogliono far luce su giri di denaro trasferiti dai conti correnti dei gruppi parlamentari a quelli personali, e su presunte spese non istituzionali ingiustificate come . Titolare dell’inchiesta sono il Procuratore aggiunto Leonardo Agueci e i pm Maurizio Agnello e Sergio Demontis.