Sergio La Cava ad Alessandro La Cava : ” contenitore senza contenuti”

Riceviamo dal dott. Sergio La Cava in replica alla nota di Alessandro La Cava.

Caro Alessandro,

ancora una volta perdi una buona occasione per tacere e per accettare che in queste occasioni (e chi è vero politico lo sa) non vi sono posizioni di maggioranza e opposizione (si sta facendo qualcosa di utile per le nostre isole) e anche se a te dispiace il merito è dell’Amministrazione che ha voluto fortemente questa realtà unitamente alla Curia e all’arma dei Carabinieri ovviamente.

Non sono assolutamente distratto dai miei impegni e non vivo lontano (come te) dalle Eolie considerato che chiunque mi può incontrare tutte le mattine sul primo aliscafo da Vulcano a Milazzo cosa che non si può dire di te. Sul punto nascite dovresti chiedere a te stesso qual’è stata la conseguenza dei tuoi proclami e delle tue passerelle accreditandoti i meriti di soluzione del problema che come sai non è stato risolto.

Io confido in quella frase del Ministro Alfano (che ha citato il diritto di nascere a Lipari) molto più delle sceneggiate di questo o quel politico che viene pressato (e dunque non gli dò neanche tante colpe) a venire a Lipari a prendere impegni che non è in grado di mantenere. E allora pensiamo a fare i complimenti ai tanti volontari della Protezione civile che ieri erano ovunque con abnegazione e senza chiedere nulla (si stava facendo qualcosa di buono per le nostre isole), pensiamo sopratutto a gioire di un momento solenne come il ricordo di uno dei nostri eroi. Alla demagogia(che dall’opposizione è facilissima) pensiamoci in altre circostanze.

Mi AUGURO CHE SERENAMENTE ACCETTI queste mie righe anche perchè non replicherò più ad articoli che intendono derubricare in campagna elettorale questioni di vitale importanza per le nostre isole.

Quanto alla valenza o no dell’Amministrazione la gente tra un anno potrà cambiarla o confermarla senza essere fuorviata da punti di vista unilaterali che minimizzano le realizzazioni e massimizzano le cose non fatte. Hai un anno di tempo per risolvere tutti i problemi che hai lamentato come irrisolti con la tua parte politica e, allora si, la gente ne prenderà atto e forse ti farà il consenso utile a governare, se ciò non accadrà la gente dovrà valutare almeno quelle cose fatte da questa Amministrazione e le tante parole dette da chi le si oppone, cioè contenitori senza contenuti.

Un abbraccio

La replica di Alessandro La Cava:

Caro cugino, quando ho qualcosa da dirti di solito ti telefono ma oggi,chiamato in causa per l’ennesima volta,replico con lo stesso sistema.

Preliminarmente Non deve sfuggirti il fatto che io sia solo un componente del movimento che anche tu,insieme al rag. Nuccio Russo,hai contribuito a fare crescere nel territorio eoliano pertanto cerchiamo di ristabilire un minimo di ordine almeno sotto questo aspetto altrimenti rischiamo di essere contaminati dalla giorgiannite (una forma di auto convincimento della detenzione assoluta della verità).

Sul contenitore vuoto di contenuti, c’è sempre tempo per confrontarsi e comprendere meglio da che parte stanno i contenuti.

oggi,con certezza e senza ombra di smentite,posso solo dirti che gli unici argomenti che questa amministrazione con la sua atavica lentezza prova a portare avanti,la riqualificazione dell’area ex pumex e l’attivazione della tratta Lamezia/Lipari,sono esattamente frutto di nostre iniziative.

Se vuoi parliamo pubblicamente anche di portualità,di trasporti obsoleti,di differenziata,di green economy,di ottimizzazione della spesa,di riduzione delle tasse,di occupazione e di tutti quegli argomenti che questa amministrazione non sa affrontare.

Critichi il nostro atteggiamento sempre ostile nei confronti di questa amministrazione e non ti rendi conto che fai la stessa cosa nei nostri confronti da quando ti sei dissociato o meglio da quando abbiamo preso posizione verso una amministrazione incapace di risolvere anche il più elementare dei problemi.

Comprendo che,per evidenti conflitti di interessi,mai potrai prendere una posizione contraria a questa amministrazione così come è stato per le precedenti e come sarà per quelle che seguiranno pertanto ti invito a non farmi lezioni di buona politica almeno fino a quando non sarai libero di esprimere il tuo pensiero.

“È proprio la libertà di pensiero che manca in questo paese perché in molti,per un motivo o per un altro,hanno paura di esprimere il proprio dissenso perché preoccupati di subire eventuali ripercussioni sulla attività lavorativa ed è per questo motivo che un paese bello da vivere non trova le ali per volare alto.”

Quelle virgolettate non sono le mie parole che peraltro condivido pienamente ma uno spezzone di un discorso registrato che mio padre,da poco passato a miglior vita e seppellito secondo la sua volontà a canneto(nella sua terra),fece nel lontano 1983 in piazza a canneto.

Da allora non è cambiato nulla ma sono convinto che le famose coscienze di cui parli prima o poi si scuoteranno.

Un abbraccio!

Alessandro La Cava